Copertura RC auto: cos’è e come capire se è attiva

100 0
100 0

La circolazione sicura dei veicoli sulle strade è di importanza primaria, ed esistono diversi metodi per riuscire a farlo. Ad esempio, il Codice della Strada prevede che tutti i veicoli debbano obbligatoriamente possedere la copertura RC auto, un’assicurazione in grado di tutelare i guidatori in caso di danni a loro stessi o al proprio mezzo di trasporto. Scopriamo insieme di cosa si tratta.

Cos’è la copertura RC auto

La copertura RC auto è una polizza assicurativa che tutti i veicoli sono obbligati a possedere, in quanto essa è indispensabile per poter guidare sulle strade pubbliche. Il termine di tale copertura indica la “Responsabilità Civile dell’Autoveicolo”, e ha lo scopo di coprire i possibili danni causati a persone o cose provocati con il proprio mezzo di trasporto. Inoltre, questa assicurazione è utile anche nei casi in cui si verifichi un urto di un veicolo in sosta, sia che il conducente si trovi al suo interno oppure no.

La copertura RC auto presenta generalmente una durata di 12 mesi. Inoltre, essa prevede dei rimborsi per i danni contro individui e oggetti, e le somme minime dei massimali contemplate dalla legge in questi casi sono:

  • 6.070.000 euro per i danni alle persone.
  • 1.220.000 euro per i danni alle cose.

Una volta superato tale massimale, è compito dell’assicurato occuparsi di pagare la somma restante. Tuttavia, le compagnie assicurative possono aumentare le soglie di rimborso se richiesto, ma per ottenere ciò è necessario effettuare un pagamento di un premio assicurativo più elevato. Inoltre, questi compensi vengono forniti dalla compagnia dopo una valutazione del danno tramite perito, per quel che riguarda le vetture, o medico legale, per quel che riguarda le persone coinvolte.

Come verificare se è attiva

La copertura RC auto è un documento da portare sempre con sé e da tenere all’interno della propria vettura, in modo tale da circolare rispettando la legge e tutelando sé stessi. Infatti, guidare un’automobile la cui polizza assicurativa non è stata attivata oppure è scaduta, non è legale: fare ciò comporta, in caso di controllo da parte delle forze dell’ordine, una sanzione che varia dagli 866 ai 3.464 euro. Inoltre, in seguito alla multa si procede alla confisca del veicolo in questione, il quale viene portato in un luogo non aperto alla circolazione.

Per queste motivazioni, è importante verificare lo stato della propria copertura assicurativa: questo può essere fatto digitando il numero di targa del veicolo sul Portale dell’Automobilista, ossia una piattaforma appartenente al Dipartimento del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasportati. Inoltre, esistono diversi siti internet e applicazioni che offrono questo servizio: tuttavia, è spesso richiesto il pagamento di una piccola somma, perciò è molto più conveniente consultare il Portale dell’Automobilista gratuitamente.

Ultima modifica: 12 maggio 2022