Come convertire l’impianto benzina in quello gpl o metano

14687 0
14687 0

Se non avete la possibilità di acquistare una macchina nuova, potreste pensare di convertire l’impianto benzina in un impianto a gpl o metano.

Sicuramente oggi giorno sempre più persone decidono di acquistare delle automobili alimentate a gpl o gas metano. Esistono in commercio anche moltissime soluzioni di alimentazione ibrida, decisamente più ecologiche e caratterizzate da emissioni più limitate. E’ tuttavia un fatto non trascurabile il prezzo elevato che quasi sempre caratterizza i modelli di automobili a metano o a gpl. Per questa ragione, un’alternativa potrebbe anche essere quella di convertire l’impianto della vostra auto a benzina in un impianto a gpl e metano; il gpl e il metano, oltre ad essere delle alimentazioni più ecologiche, sono anche certamente più economiche.

La conversione dell’impianto di alimentazione della propria automobile risulterà sicuramente un’operazione molto meno costosa, se confrontata all’acquisto di una nuova automobile alimentata a gpl o metano. Sarà sempre comunque necessario valutare i pro e i contro di una conversione di impianto, paragonata all’acquisto di una nuova auto nuova o usata, alimentata a gpl o metano.

Fate quindi la scelta più adatta alle vostre esigenze. Dovrete sapere che installare un impianto a gpl e metano, conviene, anche perché sempre in più città sono attivi moltissimi incentivi per le auto alimentate da questo tipo di carburante. Andiamo ad illustrarvi dunque nei paragrafi successivi come procedere per convertire l’impianto della vostra auto da benzina a metano.

Come si fa

Quasi tutte le auto a benzina possono essere convertite a gas gpl. L’impianto verrà installato nel bagagliaio e i costi varieranno in base al modello e alla tipologia di impianto. In particolare gli impianti a gpl possono essere principalmente di 4 tipologie. Vi è un impianto gpl a miscelatore, ovvero motori non catalizzati; vi è poi un impianto a controllo della carburazione; a iniezione gassosa; infine potrete installare anche un impianto ad iniezione sequenziale.

Per quanto riguarda i costi, essi varieranno dagli 800 ai 900 euro circa, per un impianto a miscelatore; si arriverà a spendere una cifra che si aggira attorno ai 1800, 2000 euro, per un impianto ad iniezione sequenziale, ai quali dovrete andare a sommare circa 150 euro per il collaudo iniziale dell’impianto.

Una volta che avrete sostenuto i costi per la conversione del vostro impianto a benzina in un nuovo impianto a gpl, inizierete subito ad avere un grande risparmio economico, ammortizzando i costi. Il risparmio economico si aggira attorno al 50, 60 per cento in meno rispetto ai consumi di una classica alimentazione a benzina. L’autonomia sarà garantita dalle ormai numerose stazioni di rifornimento che sono presenti sul territorio italiano. La possibilità di poter disporre di un cambio manuale, controllabile dall’abitacolo, è un fattore da non sottovalutare. In questo modo sarà possibile passare da un’alimentazione all’altra in caso di necessità.

Quanto costa

I costi per la conversione da un impianto a benzina ad un impianto a gpl dipenderanno dal tipo di impianto che deciderete di installare sul vostro autoveicolo. L’impianto a miscelatore è sicuramente il più economico; la spesa che dovrete sostenere, come detto in precedenza, sarà poco meno di mille euro. Se deciderete di installare nella vostra automobile un impianto più complesso, come ad esempio un impianto ad iniezione sequenziale, il prezzo andrà più che a raddoppiarsi.

Oltre al prezzo dell’impianto, dovrete andare anche a considerare i costi della manodopera e le eventuali spese che dovrete sostenere per effettuare il collaudo iniziale.

Per quanto riguarda invece la conversione dell’impianto della vostra auto da benzina a gas metano, gli impianti che vengono utilizzati sono sostanzialmente gli stessi del gpl. Tuttavia i costi degli impianti cambiano rispetto a quelli che caratterizzano gli impianti a gpl. Un impianto a miscelatore a gas metano vi costerà una cifra che si aggira attorno ai 1500 euro. Un impianto a gas metano a controllo della carburazione vi costerà 1800 euro. Infine un impianto a gas metano ad iniezione gassosa, vi costerà 2500 euro. I costi di collaudo e messa a punto di un impianto a gas metano saranno gli stessi di quelli di un impianto a gpl.

La perdita di potenza della vostra automobile è un problema che non deve preoccuparvi. La diminuzione delle prestazione degli autoveicoli a gpl o gas metano caratterizzava solo gli impianti di vecchia generazione. Questo problema, con i nuovi impianti, è assolutamente superato. Le auto a gas di nuova generazione sono potenti ed efficienti come le automobili alimentate a benzina.

Incentivi

Gli impianti gpl e a gas metano presentano innumerevoli vantaggi, oltre ad essere più rispettosi dell’ambiente, dal momento che sono caratterizzati da emissioni più limitate rispetto alla classica alimentazione a benzina. Il vantaggio più importante di cui potrete beneficiare convertendo la vostra auto ad un’alimentazione a gpl o gas metano, sarà il grande risparmio economico.

I vantaggi economici sono sicuramente prima di tutto dati dai costi del carburante, nettamente inferiori rispetto ai prezzi che caratterizzano benzina e diesel. Il risparmio, come detto in precedenza, si aggira attorno al 50, 60 per cento. Per fare solo un esempio, 1 chilogrammo di gas metano costa all’incirca 0,10 centesimi di euro; un litro di benzina costa invece in Italia all’incirca 1,8 euro. L’installazione nella vostra automobile di un’alimentazione a gpl o a gas metano potrà essere effettuata presso un’officina autorizzata.

Esistono oggi moltissimi incentivi per l’acquisto di un’auto a metano, o l’installazione in un’auto caratterizzata da un’alimentazione a benzina, di un impianto complementare a metano o gpl. Per l’anno 2018 gli incentivi per le automobili a gpl e gas metano riguardano anche le auto euro 4. Il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti è tornato ad investire nella automobili alimentate a gpl e metano. Anche per l’anno 2018 il governo ha previsto e riconosce degli incentivi per la trasformazione da un’auto alimentata a benzina ad un sistema di alimentazione a metano o a gpl.

Il bonus è calcolato e determinato in 500 euro per un impianto a gas e nella somma di 650 euro per la conversione di un impianto a metano. Senza dubbio la novità più importante in vigore dal novembre scorso consiste nell’inclusione dei veicoli Euro 4 tra i mezzi che potranno usufruire degli incentivi previsti dallo Stato, per chi deciderà di convertire l’alimentazione della propria auto.

Ultima modifica: 22 febbraio 2018