Come scegliere il seggiolino auto

407 0
407 0

Chiunque abbia figli piccoli lo sa: i seggiolini auto sono fondamentali per non metterli a rischio quando viaggiano. Tuttavia, per motivi di sicurezza, è necessario scegliere quello corretto a seconda dell’età del piccolo passeggero e delle funzionalità di cui abbiamo bisogno. Sul mercato ne esistono di vario tipo, proprio per adattarsi ai diversi casi specifici. Vediamo insieme in questo articolo come individuare il seggiolino auto più adatto.

Viaggiare sicuri con un bambino a bordo: cosa fare

L’utilizzo del seggiolino è imprescindibile per garantire al proprio bambino un viaggio in auto il più sicuro possibile, ma non si tratta solo di una decisione presa da genitori (o in generale adulti) responsabili. È bene tenere conto, infatti, del fatto che i seggiolini sono imposti per legge a bambini di altezza inferiore ai 150 cm di altezza. La loro omologazione avviene in funzione del peso (ECE-R44) o dell’altezza (I-Size o ECE-R129) al fine di garantire massima protezione e sicurezza.

Per scegliere il sistema di ritenuta più idoneo è necessario considerare innanzitutto l’età: i neonati, come è ovvio che sia, avranno bisogno di un seggiolino diverso rispetto a bambini di 5-6 anni. Il primo modello da acquistare è il gruppo 0 e 0+, pensato principalmente per neonati, seguito poi da quello 1. Queste tipologie appartengono comunque alla stessa macrocategoria: quella dei seggiolini in senso inverso al senso di marcia, che devono essere preferiti il più a lungo possibile rispetto al gruppo 2/3. Questo perché nei primi mesi di vita la parte più pesante del loro corpo è la testa e, di conseguenza, in caso di incidente il collo viene sollecitato in misura considerevole. Esistono però anche modelli appartenenti a questa categoria adatti a bambini fino ai 4 anni.

Tuttavia, il tasso di crescita è molto soggettivo, e basarsi esclusivamente sull’età potrebbe ostacolare una scelta decisionale più consapevole. In generale, quindi, è meglio considerare il fattore peso. I seggiolini e le alzatine del gruppo 3, ad esempio, hanno una capienza variabile, che oscilla fra i 22 e i 36 kg. Tuttavia, è bene sapere che si può comunque optare per questo modello anche per un peso maggiore, a patto che il bambino non abbia ancora raggiunto i 150 cm.

L’ideale è adattare il modello migliore alla crescita naturale del bambino, scegliendo con cura modelli omologati in base a peso e altezza. La presenza di schienale e poggiatesta, inoltre, viene richiesta per legge fino ai 125 cm, ma è necessario tenere conto che, a prescindere da altezza ed età, questi modelli sono quelli più sicuri perché proteggono il bambino anche in caso di impatti laterali. D’altra parte, è bene essere coscienti del fatto che non esiste una soluzione ideale per tutti e che è necessario scegliere caso per caso.

Ogni quanto cambiare il seggiolino

Per legge, dal 2018 tutti quei seggiolini fabbricati prima del 1995 sono considerati obsoleti e di conseguenza ne è vietato l’utilizzo perché non rispondono alle normative vigenti di sicurezza. La regola generale prevede di cambiare qualunque sistema di ritenuta ogni 10 anni, ma ci sono situazioni in cui questa indicazione potrebbe non valere.

Si consiglia, infatti, di comprare immediatamente un nuovo seggiolino dopo aver fatto un incidente, anche con quelli inferiori ai 10 anni, così come per quelli sottoposti a sbalzi termici estremi che potrebbero deteriorarsi più facilmente.

Ultima modifica: 15 marzo 2022