Come scegliere il navigatore satellitare per auto

1068 0
1068 0

Sia che si tratti di lunghi viaggi, sia che si tratti di brevi percorsi, viaggiare in auto può comportare alcune difficoltà, soprattutto quando non si conosce il tragitto migliore per raggiungere la propria destinazione. Per questa ragione, è utile dotarsi di una navigatore satellitare o di un’applicazione di navigazione per smartphone. Analizziamo queste due soluzione e vediamo qual è la più conveniente.

Navigatore satellitare tradizionale: pro e contro

A differenza dei più moderni smartphone, il navigatore tradizionale non necessita di una connessione internet, in quanto è collegato tramite GPS a dei satelliti in grado di rilevare la posizione del dispositivo.

Le mappe caricate sul dispositivo consentono di tracciare i percorsi più vantaggiosi per raggiungere le destinazioni impostate dal guidatore e, grazie all’antenna GPS, possono mostrare in tempo reale lo spostamento del veicolo.

Benché il navigatore satellitare possa risultare vantaggioso per chi non dispone di una connessione internet o non è predisposto all’utilizzo di smartphone, è bene sapere che questo dispositivo non è completamente affidabile.

Infatti, la connessione con i satelliti potrebbe saltare in alcune zone, oppure la posizione segnalata potrebbe non essere precisa. Inoltre, non essendo connesso ad internet, un navigatore satellitare non può fornire informazioni riguardo al traffico presente sul percorso previsto.

I vantaggi delle app per smartphone

Diverso è il caso dello smartphone: la connessione ad internet garantisce precisione ed affidabilità senza paragoni e la possibilità di controllare in tempo reale le condizioni del traffico. Inoltre, le applicazioni di navigazione sono in grado di segnalare strade temporaneamente chiuse e offrire percorsi alternativi.

Tuttavia, per poter utilizzare uno smartphone, è necessario essere predisposti all’uso di tale dispositivo: non tutti sono a proprio agio con i prodotti smart. Inoltre, le applicazioni di navigazione rendono necessaria una connessione ad internet. Esistono applicazioni di navigazione offline che funzionano come un navigatore satellitare tradizionale, ovvero con il caricamento preventivo delle mappe europee.

In aggiunta a ciò, non è da trascurare il consumo della batteria. Infatti, utilizzando il proprio smartphone come dispositivo di navigazione, soprattutto durante lunghi tragitti, c’è il rischio di consumare la batteria. Una soluzione a questa problematica è l’alimentatore da auto. In alternativa, è possibile utilizzare la maggior parte delle applicazioni sul mercato solo in modalità audio, così da risparmiare una parte di batteria.

Dunque, prima di scegliere la tipologia di navigatore satellitare che più si adatta alle tue necessità, è consigliabile tener conto di alcuni fattori, tra cui il consumo di batteria, la connessione ad internet, la presenza di mappe pre-caricate e le informazioni sul traffico in tempo reale.

Ultima modifica: 13 gennaio 2022