Come disattivare l’assistenza al cambio di corsia?

4987 0
4987 0

Le recenti innovazioni tecnologiche hanno permesso di dotare le automobili di sistemi di sicurezza avanzati come quelli per l’assistenza alla guida, conosciuti anche come ADAS (Advanced Driver Assistance System). Lo scopo principale di questi sistemi è quello di rendere più sicuri i veicoli su strada e di facilitare il compito dei guidatori al volante. Vediamo come funzionano questi sistemi e in quali occasioni è possibile disattivarli.

I vantaggi di un sistema di assistenza alla guida avanzata

La ricca gamma di sistemi di assistenza alla guida avanzata offre diverse soluzioni interessanti, tra cui il lane assist, ovvero l’assistente al cambio di corsia. In particolare, questo ingegnoso sistema si attiva quando il passaggio da una corsia all’altra avviene senza aver inserito le apposite frecce direzionali.

Tale sistema, composto da un complesso insieme di appositi sensori, telecamere e radar, è in grado di capire la segnaletica stradale e percepire quando il veicolo sta oltrepassando la linea di demarcazione che divide le corsie.

Generalmente viene definito “lane assist”, ma in realtà questo sistema di assistenza al cambio di corsia si compone di tre differenti tecnologie:

  • lane departure warning: avvisa il guidatore in caso di uscita dalla corsia;
  • lane keeping assist: aiuta il guidatore a mantenere la corsia corretta;
  • lane centering assist: lavora insieme al cruise control adattivo per mantenere il veicolo al centro della corsia.

Tali tecnologie sono state sviluppate per assistere il guidatore durante ogni fase della guida del veicolo, sia che si trovi in autostrada sia che stia percorrendo una strada cittadina. Infatti, questi tre differenti sistemi si attivano autonomamente in base alle condizioni di marcia.

Disattivare l’assistenza al cambio di corsia: come e perché

Le tecnologie di assistenza al cambio di corsia possono agire in due modi differenti: in maniera passiva, tramite una leggera vibrazione del volante o con un allarme sonoro e visivo, oppure in modo attivo, tramite la correzione automatica dello sterzo, in modo da riposizionare il veicolo correttamente sulla sua corsia di marcia.

Nella maggior parte delle vetture dotate di sistema di assistenza al cambio di corsia, è possibile autorizzare l’attivazione autonoma delle tecnologie offerte, secondo le proprie preferenze: ad esempio, si può decidere di autorizzare solamente il sistema passivo di allarme.

I sistemi di correzione della carreggiata attivi che procedono intervenendo direttamente sullo sterzo potrebbero non essere adatti allo stile di guida di ogni guidatore, o almeno, potrebbe risultare difficoltoso abituarsi al grado di autonomia.

Dunque, per quanto i sistemi di assistenza al cambio di corsia rappresentino il futuro del mondo dell’automobilismo, ogni guidatore può decidere il livello di autonomia che vuole concedere al proprio veicolo, al fine di abituarsi gradualmente a questi nuovi sistemi.

Ultima modifica: 12 gennaio 2022