Casco con microfono: quando serve davvero

916 0
916 0

Tuta, guanti, casco e, ovviamente, chiavi: abbiamo tutto per andare in moto. Sicuri di non dimenticare nulla? O meglio: può esserci qualcosa da aggiungere al tradizionale equipaggiamento che migliori sensibilità piacevolezza e sicurezza alla guida? La risposta è sì, soprattutto se andiamo sulle due ruote in compagnia di un’altra persona o insieme a comitive di appassionati come noi. Un componente che eleva il confort e la guidabilità è l’interfono per moto. Scopri con noi quando serve davvero un casco con microfono.

Le principali tipologie di casco con microfono

L’interfono è un dispositivo tecnologico utilizzato ormai da moltissimi anni dai motociclisti per comunicare con il passeggero senza fare quei gesti che tutti abbiamo visto fare dai biker: voltare la testa per parlare o ascoltare le parole del passeggero o, peggio, togliere la mano dal manubrio per prendere il telefonino. Tutti comportamenti pericolosi o vietati ai quali si può ovviare con un semplice apparecchio. L’uso dell’interfono per moto. infatti, si è diffuso notevolmente negli anni tanto da poter essere considerato oggi tra i componenti indispensabili per migliorare l’esperienza di guida. Chiunque lo abbia sperimentato sa che un semplice “aggeggino” abbrevia di molto il tempo stesso di percorrenza grazie alle chiacchierate con chi viaggia con noi. Si ha così modo di commentare in real time la bellezza dei paesaggi, senza doversi sbracciare, gridare, o ricordarsene a tragitto concluso.

Le principali tipologie di interfono per moto sono sostanzialmente tre: acustico, a cavo, bluetooth. L’interfono acustico permette di parlare attraverso tubi collegati tra i due caschi. È la metodologia più semplice e tradizionale, oltre che essere quella meno costosa. La qualità della comunicazione risente però del tono di voce degli interlocutori e dai rumori esterni. L’interfono a cavo è dotato di una centralina cui vengono collegati i microfoni, gli auricolari del pilota e quelli del passeggero. Non necessita di una batteria ma solitamente consente di comunicare soltanto con il passeggero.

C’è infine la modalità bluetooth: la più moderna, in linea con le ultime tendenze dei dispositivi di comunicazione. Grazie alla tecnologia senza fili essa permette di parlare, a volume regolato e senza interferenze, sia con chi viaggia sulla nostra moto, sia con eventuali altri biker in viaggio con noi. Qualunque tipologia scegliate, l’interfono migliorerà sensibilmente la qualità del vostro viaggio in moto tanto da non poterne più fare a meno. E non è soltanto una questione di piacere: il “microfono” permette anche di scambiarsi informazioni utili con il passeggero che si sentirà anche più coinvolto in veste di navigatore. Ma soprattutto aumenta moltissimo la sicurezza alla guida grazie alla possibilità di utilizzarlo come auricolare e microfono dello smartphone, così da non dover interrompere il viaggio per parlare.

Ultima modifica: 12 marzo 2021