Casco integrale: cosa sapere sulla normativa

1777 0
1777 0

Il casco integrale rappresenta indubbiamente la soluzione migliore per preservare la sicurezza di chi si muove su qualsiasi mezzo a due ruote a motore, indipendentemente dalla potenza o tipologia di utilizzo. Al momento dell’acquisto di un nuovo casco è facile farsi trasportare dall’entusiasmo valutando principalmente l’aspetto estetico, ma in realtà bisogna verificare per prima cosa che si tratti di un prodotto omologato. Il Ministero dei Trasporti effettua l’omologazione di qualsiasi tipo di casco per moto attraverso specifici test che ne garantiscono l’effettiva efficacia, assicurando una protezione adeguata in caso di incidente o di caduta.

Tali test prevedono delle prove che riguardano l’assorbimento dagli urti, la resistenza dei sistemi di ritenuta e alcune prove di sicurezza sulla visiera. Ma come avviene, esattamente, omologazione? Il tutto viene svolto prima su dei prototipi e, in caso di esito positivo, si può in seguito avviare la produzione di serie. Il casco potrà essere commercializzato solo dopo avere superato un ulteriore test su un primo lotto di produzione di cinquanta, sessanta pezzi. Se anche queste prove verranno superate il Ministero darà il via libera per la vendita al pubblico.

Guardare l’etichetta del casco

L’omologazione viene riportata su un’etichetta cucita all’interno del casco; esistono tuttavia alcuni caschi con la doppia omologazione che consente loro di essere usati e venduti in più di una nazione; quest’ultimo è un aspetto molto importante da tenere in considerazione prima di affrontare un viaggio all’estero. Esistono infatti vari tipi di specifiche di omologazione, per esempio la ECE/ONU 22-05 che si riferisce al regolamento comunitario, è una normativa unica per tutti i Paesi membri dell’Unione Europea, mentre l’omologazione DOT TP-218-07  è quella valida negli USA ma non è riconosciuta in Italia. Altre omologazioni possono essere quella coreana (KS G 7001), neozelandese (NZ 5430), australiana (AU), ecc.. Il numero di omologazione si compone di diverse cifre: le prime due indicano la versione della direttiva di omologazione, 05 è quella più recente, sinonimo di maggiore sicurezza, mentre le cifre seguenti indicano l’omologazione specifica del casco.

Focalizzando l’attenzione sui caschi integrali, è bene sapere che la protezione della mentoniera è definita da una sigla: J (Jet o Demijet) indica che i caschi sono privi di mentoniera mentre NP vuol dire che i caschi hanno una mentoniera non protettiva (è infatti asportabile o reclinabile); rappresenta i caschi con mentoniera protettiva da usare sempre chiusa: sono questi i caschi integrali e modulari. Infine la sigla P-J indica caschi modulari con mentoniera protettiva che si può usare sia in posizione aperta che chiusa.

Ultima modifica: 28 maggio 2021