Carta di circolazione smarrita o deteriorata: cosa fare

39244 0
39244 0

La carta di circolazione è il documento più importante dell’auto. Per questo è bene sapere cosa fare in caso di smarrimento o deterioramento

La carta di circolazione è uno di quei documenti necessari da esibire in caso di controllo stradale. Infatti se non avete il documento con voi o nel caso risultasse illegibile, sarete sanzionati con una multa che va da 41 a 168 euro.

La carta di circolazione non deve essere confusa con il certificato di proprietà. Essa infatti rappresenta un’attestazione che legittima il mezzo alla circolazione su strada, non un titolo di proprietà.

Per questo, in caso di smarrimento è di fondamentale importanza presentare al più presto una denuncia agli organi di competenza. I quali vi forniranno un duplicato e tutte le indicazioni per ricevere una nuova carta di circolazione.

Diverso il procedimento da seguire in caso di deterioramento della carta di circolazione.

Smarrimento carta di circolazione

Quando viene smarrita la carta di circolazione, entro 48 ore si deve fare denuncia agli organi Polizia o Carabinieri. Il diretto interessato dovrà fornire un documento di riconoscimento in corso di validità. A quel punto, le autorità a loro volta rilasciano un permesso  provvisorio di circolazione.

Ovviamente, la carta di circolazione smarrita, non è più valida. Così, anche nei casi di ritrovamento o restituzione, il documento deve essere distrutto dall’intestatario della carta.

Partita la denuncia, sarà l’autorità di Polizia a comunicare al diretto interessato le modalità di ricezione del duplicato della carta di circolazione.

Esistono due modi:

  • Se a cura dell’Ufficio Centrale Operativo (U.C.O) del Ministero dei Trasporti e della Navigazione, il documento arriverà a casa;
  • Il denunciante dovrà recarsi presso l’Ufficio Provinciale della Motorizzazione (quello che oggi conosciamo sotto il nome di “Dipartimento dei Trasporti Terrestri”) e presentare la domanda.

Vediamo meglio nel dettaglio.

Nel primo caso, l’Ufficio Centrale Operativo (U.C.O) del Ministero dei Trasporti e della Navigazione prepara il duplicato della carta di circolazione e lo invia a casa del diretto interessato. All’atto della consegna, si dovrà versare l’importo di 5,16 euro più le spese postali.

Nel secondo caso, il diretto interessato deve presentarsi all’Ufficio Provinciale della Motorizzazione per chiedere il duplicato della carta di circolazione, sono in tre casi.

I casi per richiedere il duplicato della carta di circolazione alla Motorizzazione:

  1. se ha sporto denuncia di smarrimento, prima del 15 aprile 2001 (circolare 848-C4, duplicato patente e carta di circolazione). La circostanza è rilevabile dalla data riportata sul certificato di resa denuncia o sul permesso provvisorio rilasciato dall’autorità che ha ricevuto la denuncia;
  1. se è stato indirizzato all’Ufficio provinciale della Motorizzazione dall’autorità che ha ricevuto la denuncia. In questo caso, le autorità preposte hanno accertato che il duplicato del documento non può essere estratto dall’archivio nazionale dei veicoli;
  1. se è stato indirizzato all’Ufficio provinciale della Motorizzazione dall’Ufficio Centrale Operativo. In questo caso, quest’ultimo ha accertato che il duplicato non può essere estratto dall’archivio nazionale dei veicoli;

In tutti queste circostanze appena descritte, si dovrà richiedere il duplicato della carta di circolazione all’Ufficio provinciale della Motorizzazione che provvederà al rilascio del nuovo documento di circolazione.

Per rendere possibile tutto ciò, occorre seguire una procedure ben precisa.

Modalità per richiedere il duplicato della carta di circolazione:

  • Compilare il modello TT 2119;
  • Esibire la carta di circolazione provvisoria rilasciata dall’autorità di Polizia;
  • Presentare un documento d’identità valido;
  • Nel caso la pratica non fosse presentata dall’interessato, il modello TT2119 deve essere consegnato insieme a una delega. Questa deve essere scritta in carta semplice e munita di fotocopia di un documento d’identità. Il delegato, a sua volta, deve essere munito di documento d’identità valido;

Per quanto riguarda i cittadini extracomunitari, alla documentazione appena elencata devono allegare il permesso di soggiorno in corso di validità (in originale e in copia autenticata).

Ricordiamo che il Codice della Strada prevede una multa per gli automobilisti che a un controllo stradale vengono trovati senza carta di circolazione. La violazione riguarda l’art.189 comma 1 e prevede una sanzione che va da 41 a 168 euro.

Se vi trovate all’estero e smarrite il documento di circolazione si dovrà presentare denuncia alle autorità del Paese dove vi trovate. Solo in un secondo momento si deve fare la segnalazione dell’accaduto anche alle autorità di Polizia italiana.

Deterioramento carta di circolazione

Con il passare degli anni e la conseguente usura, la carta di circolazione può rovinarsi fino a divenire illeggibile. Pertanto, onde evitare problemi in caso di fermi delle forze dell’ordine o per non rischiare di non poter vendere un’auto, è assolutamente necessario procurarsi un duplicato.

I documenti necessari per fare richiesta:

  • Carta di circolazione usurata;
  • Conto corrente n° 9001;
  • Conto corrente n° 4028;
  • Richiesta di duplicato per deterioramento della Carta di Circolazione;
  • Documento d’identità e codice fiscale in corso di validità;
  • Autocertificazione TT2120;

L’iter con cui potrete rientrare in possesso del duplicato della carta di circolazione avrà una durata massima di 30 giorni. Quindi, le tempistiche non sono così brevi. Perciò dovrete avere molta pazienza e attendere che sia tutto pronto. Nel caso non possiate occuparvi in prima persona di tutta la trafila, è possibile delegare a una agenzia pratiche auto.

Il primo passo da effettuare è quello di recarvi presso un qualunque ufficio delle Poste Italiane ed effettuare due versamenti:

  1. Un primo versamento, del costo di 9,00 euro, da effettuare sul conto corrente n° 9001;
  2. Un secondo versamento, del costo di euro 29,24, da eseguire sul conto corrente n° 4028.

Dopo aver effettuato entrambi i pagamenti, dovrete dunque spostarvi presso l’Ufficio Provinciale della Motorizzazione Civile.

Alla Motorizzazione presenterete la richiesta di duplicato per deterioramento della Carta di Circolazione.

Non dimenticate di allegare una copia dei due versamenti che avete fatto presso le Poste Italiane. Più una copia del vostro documento d’identità in corso di validità ed il permesso di soggiorno (se siete cittadini extracomunitari).

Al tutto bisogna aggiungere la copia del vostro codice fiscale, l’autocertificazione TT2120 (un modulo da richiedere presso lo sportello informazioni) e la carta di circolazione che risulta in fase di deterioramento.

Una volta consegnato il tutto, vi rilasceranno un foglio di via, della durata di un mese.  Alla scadenza dei 30 giorni potrete andare presso l’Ufficio della Motorizzazione e ritirare la nuova carta di circolazione.

Ultima modifica: 2 agosto 2017