Carroattrezzi: costo richiesta soccorso stradale

902 0
902 0

Si spera di non avere mai il bisogno di chiamare un carroattrezzi o, ancora peggio, di vedersi portare via da questo veicolo l’automobile, che si ha lasciato in un area non riservata al parcheggio e sottoposta alla rimozione forzata. Qualora dovesse essere necessario chiamare questo mezzo di soccorso, come fare e quanto costa? Di seguito alcune informazioni utili per tutti.

Utilizzo e utilità del carroattrezzi

Può essere facilmente considerato un mezzo importantissimo, se non imprescindibili, per lo svolgimento delle operazioni di sgombero delle strade, in caso di incidente stradale, o di guasti alle autovetture.

Tali veicoli sono disposti ed utilizzati appositamente per il soccorso su strade comunali, provinciali, statali ed autostradale. Per quest’ultime, la società che ne detiene il servizio di controllo e le responsabilità di ogni tipo, offre la possibilità di un’assistenza specifica.

Per altri versi invece i carroattrezzi possono essere chiamati per la rimozione forzata di alcune vetture. In questo caso, l’operazione può essere svolta per differenti motivi: i più comuni sono il mancato rispetto delle norme e delle regole stradali da parte dell’automobilista, come la sosta lungo tratti per cui la stessa non è consentita ma, è invece prevista la rimozione dell’auto. In tal caso, il possessore del mezzo dovrà recarsi nel posto adibito al deposito della macchina per pagare il dovuto e poter riottenere lo stesso mezzo.

Dunque, i beneficiari possono essere sia i privati cittadini che le forze dell’ordine. Tra queste, solitamente si associa il mezzo in questione all’azione della Polizia Municipale e dei vigili urbani impegnati nelle azioni di controllo del manto stradale del territorio di loro competenza.

Al fine di non incorrere in problematiche di questo tipo è buona norma visionare correttamente la presenza e il senso dei cartelli stradali.

Quanto costa chiamare un carroattrezzi

A chiunque può succedere di incorrere in problemi mentre sta viaggiando a bordo del proprio veicolo. Può accadere di rimanere fermi perché l’auto presenta un guasto inaspettato o nel caso di incidenti più o meno gravi.

In ogni modo, per ognuna delle possibili eventualità, è necessario intervenire e chiamare i soccorsi. Le spese che presentano i carroattrezzi sono prestabilite nel caso in cui ci si rivolga all’Automobile Club Italia (ACI). Essa consente il soccorso alle autovetture che non superino i duemilacinquecento chilogrammi di peso ad un costo pari a 115,40 euro nei giorni feriali e di 138,40 euro per il soccorso notturno e i giorni festivi.

Il centro più vicino all’accaduto interverrà per aiutare il possessore della macchina a liberare la strada occupata dal veicolo. Ognuno però può decidere chi interpellare e, dunque, entrano in gioco anche le altre società private che lavorano in questo campo.

L’entità dei costi, però, non si discosta di molto da quelli predetti. Ciò tende a creare una uniformità del mercato. Le società private lavorano molto nel centro abitato, mentre l’ACI solitamente tende ad essere chiamata sulle strade ad alta percorribilità.

Ultima modifica: 21 novembre 2018