Come caricare le biciclette sull’auto?

1416 0
1416 0

Se all’interno dell’abitacolo le bici proprio non ci stanno o non vogliamo tenerle per timore di sporcare o rovinare l’auto, la soluzione migliore è caricarle sul tetto o sul retro con un portabici, nel rispetto del Codice della Strada e con grande attenzione alla sicurezza propria e degli altri veicoli che viaggiano sulla nostra strada.

Leggi anche: Come caricare al meglio il bagagliaio dell’auto? I nostri consigli

BICI IN AUTO: COSA DICE LA LEGGE?

Secondo l’articolo 164 del Codice della Strada, il portabici è considerato come un carico e per questo motivo non deve coprire né la targa né le luci. Non deve poi ridurre la visibilità o la libertà di movimento a chi guida e dare instabilità all’auto su cui è montato. Il carico non deve superare i limiti di sagoma stabiliti dall’articolo 61 e non può sporgere nella parte anteriore dell’auto. Mentre in quella posteriore sì, se costituito da cose indivisibili fino ai 3/10 della lunghezza del veicolo stesso. La sporgenza laterale non può superare i 30 centimetri di distanza dalle luci di posizione. La sporgenza longitudinale va sempre segnalata attraverso pannelli retroriflettenti.

LE MULTE

Se il carico risulta sistemato male sul veicolo si rischiano sanzioni di 85 euro e una riduzione di 3 punti dalla patente. Non solo: l’auto viene fermata, la patente e il libretto di circolazione vengono ritirati e il carico va sistemato immediatamente in conformità alle norme per poter ripartire.

PORTABICI: QUALE SCEGLIERE?

La regola principale nella scelta del portabici è che sia regolarmente omologato. I portabici sul tetto sono funzionali perché permettono il fissaggio rapido delle biciclette. Sono ideali per le auto più basse, siano esse berline o station wagon. Il supporto in questo caso viene fissato alle barre porta tutto (quindi è indispensabile che la vettura ne sia fornita). Ogni portabici trasporta una sola due ruote per cui, compatibilmente con lo spazio disponibile sul tetto, è necessario acquistarne più d’uno se è necessario trasportare più biciclette.

Il portabici posteriore invece è indicato per fuoristrada e monovolume, ma anche per i furgoncini. È sicuramente il più pratico, soprattutto per l’altezza a cui viene fissato. Inoltre permette di trasportare fino a tre bici contemporaneamente in maniera sicura. Alcuni nuovi modelli danno la possibilità di aprire il bagagliaio anche con le bici fissate al supporto. C’è chi infine preferisce il trasporto con carrello, attenzione però: in questo caso infatti è necessario il gancio da traino e la modifica alla carta di circolazione del veicolo.

Ultima modifica: 11 aprile 2018