Camper: tutte le principali differenze con il motorhome

1310 0
1310 0

Il camper (definito anche come autocaravan) viene classificato dal Codice della Strada nella categoria degli autoveicoli e viene allestito in maniera permanente di modo da permettere, al suo interno, il soggiorno di un equipaggio. A differenza per esempio di una roulotte che ha bisogno di essere trainata da un veicolo motrice, il camper è dotato di un proprio motore e di un autonomo sistema di guida.

Prendendo come misura la cellula, altresì detta unità abitativa, i camper possono essere distinti in quattro specifiche categorie: il camper cosiddetto ‘puro’, anche chiamato furgonato, o furgone camperizzato o van; l’autocaravan mansardato; il semi-integrale o profilato e, infine, il motorhome, definito anche come integrale. Ognuno di questi presenta delle caratteristiche speciali che li contraddistinguono dagli altri: il camper mansardato, ad esempio, prende il nome per l’appunto dalla mansarda che ospita un letto a due piazze proprio sopra la cabina di guida; il semi-integrale ha la cellula abitativa coordinata in modo aerodinamico con la cabina di guida ed è più basso.

Il camper classico, quello da cui hanno preso ‘in prestito’ il nome tutti gli altri modelli, di norma è un vero e proprio furgone. In gran parte viene mantenuta la sua carrozzeria e, successivamente, viene allestito al suo interno e dotato di arredamento, impiantistica necessaria per viverci dentro e di isolamento termico. Veicolo compatto, adatto tanto al campeggio itinerante quanto all’utilizzo quotidiano poiché, per dimensione, il camper è paragonabile ad un’automobile monovolume. Il camper puro non è ovviamente vivibile ed equipaggiato come gli altri modelli più evoluti, ma è ugualmente apprezzato perché maneggevole, più veloce, facile da parcheggiare e consuma di meno in termini di costo carburante.

La cellula abitativa del motorhome è un corpo unico con la sua motrice. Tra tutti i camper, è quello più lussuoso e ovviamente costoso, poiché l’intera struttura dell’autoveicolo viene disegnata e costruita utilizzando il telaio scudato del mezzo di trasporto da cui proviene. Nel motorhome, rispetto al camper puro, persino la parte di veicolo destinata ad ospitare il conducente durante la marcia su strada diviene parte integrale dell’ambiente vivibile quando il mezzo è fermo.

Alcuni tipi di motorhome, poi, possiedono al loro interno un letto basculante che in sostanza permette agli abitanti di usufruire di una sorta di mansarda, senza però rovinare la forma del camper. Il letto viene abbassato soltanto per l’utilizzo: non è possibile mettersi alla guida del motorhome finché il letto non viene sollevato e rimesso a posto. Altra differenza tra camper e motorhome? La visuale in marcia (di regola è più alto e più grosso) anche grazie alla vetrata anteriore che ricorda, molto da vicino, quella di un pullman.

Ultima modifica: 20 ottobre 2017