Cambio sequenziale: come funziona

65766 0
65766 0

Se stai pensando di comprare una nuova auto, scopri le differenze, i vantaggi e gli svantaggi del cambio sequenziale rispetto al tradizionale.

Il cambio sequenziale o a innesti frontali non ha uno schema predefinito come quello manuale ma ha una leva che si aziona in due direzioni, tipicamente “su” e “giù” grazie alla quale si sale o si scende da una marcia all’altra. In molti casi la leva si divide in due palette poste dietro lo sterzo. In altri, resta alloggiata nella classica posizione centrale. Tra le due alternative è presente un punto intermedio interessato dalla posizione di folle.

Un arricchimento del cambio sequenziale è il quick shifter. Si tratta di un dispositivo che riduce le sollecitazioni in caso di passaggio di marcia con motore sempre in trazione. Il sistema taglia l’accensione del motore durante la cambiata.

Come funziona il cambio sequenziale

 

ll cambio sequenziale è costituito da una trasmissione di rapporti in cui c’è una leva che viene azionata in due sole direzioni (avanti e indietro). Questo tipo di cambio è molto comodo perché semplicissimo da usare. E’ sufficiente alzare o abbassare una leva per cambiare le marce con dei semplici movimenti. Andando su o giù, si sale o si scala da una marcia ad un’altra. In alcuni casi la leva si divide in due palette poste dietro lo sterzo, mentre in altri, è alloggiata nella classica posizione centrale. Questo fa si che la guida con il sequenziale sia molto più fluida rispetto al cambio manuale.

Il cambio manuale

 

Il cambio di velocità manuale è un componente meccanico che ha la funzione di modificare la caratteristica della coppia in uscita da un motore, così come farebbe un riduttore di velocità.

La leva del cambio, poi, permette di selezionare di volta in volta un rapporto di trasmissione differente, a seconda della gamma di cui il cambio è dotato. Se si vuole capire quando bisogna scalare la marcia, dobbiamo anche tenere d’occhio il tachimetro. Per riuscire a guidare in modo fluido e con disinvoltura riducendo il consumo di benzina, occorre regolare bene il cambio. Grazie a qualche piccolo accorgimento proteggeremo l’integrità delle parti vitali dell’auto, come il motore e la frizione.

Vantaggi e svantaggi

 

Rispetto al cambio sequenziale, quello manuale è più economico e affidabile. Inoltre, non necessita di sistema di raffreddamento specifico ed è più efficiente dal punto di vista energetico. Senza dubbio, il  cambio manuale dà al guidatore una maggiore sensazione di controllo sul veicolo.

Il cambio sequenziale, però, rende la guida più semplice. Permette infatti di ridurre lo stress in caso di traffico e facilita le partenze in salita. Un altro vantaggio del cambio sequenziale è quello di impedire un danneggiamento accidentale del sistema a causa di un errore del guidatore.

Ultima modifica: 25 luglio 2017