Cambio DSG: cos’è e come funziona

108085 0
108085 0

Il cambio DSG (acronimo di Direst-Shift GearBox) è una soluzione di cambio elettronico all’avanguardia che sta prendendo campo all’interno del mercato delle auto. Permette uno stile di guida differente e molteplicità di soluzioni, totalmente gestite elettronicamente. Nei primi anni duemila era un’esclusiva del gruppo Volkwagen, ma sta trovando diffusione anche in altre case automobilistiche come tra i produttori delle due ruote.

L’acronimo DSG è riferito solamente al gruppo Volkswagen che ha il diritto di usarlo, nel caso di altre case automobilistiche il nome cambia, ma la sostanza rimane profondamente la stessa. Si tratta di innovativo cambio elettronico a doppia frizione che offre la possibilità di essere utilizzato in maniera automatica o semi automatica (senza utilizzo del pedale della frizione). Meccanicamente un unico albero primario è collegato a due alberi secondari attraverso le due frizioni ed offre la possibilità di avere sempre il migliore tempo di cambiata per le marce. In modalità automatica sarà l’elettronica del cambio stesso a gestire i tempi di cambiata che risulteranno sempre ottimali, in modalità semi automatica è possibile variare i tempi in base al proprio stile di guida, l’elettronica gestirà la frizione senza alcun bisogno di intervento umano.

Il carattere sportivo di questa soluzione di cambio è indiscusso anzi, nasce proprio per questo. Il primo modello di auto ad essere equipaggiata con il cambio DSG è stata la VW Golf R32 nel 2003, da allora diversi sono stati gli aggiornamenti e gli ammodernamenti per quanto riguarda questo tipo di cambio.

Vantaggi

C’è da dire che i vantaggi, anche rispetto ad un cambio automatico più tradizionale, sono diversi a cominciare dalla fluidità della cambiata che, grazie alle due frizioni, risulta sempre leggera e senza alcuno scossone, classica reazione non rara di un cambio automatico tradizionale. Ma presenta anche qualche piccolo svantaggio.

Svantaggi

Tralasciando motivazioni personali riguardanti il proprio stile di guida e l’attaccamento al cambio tradizionale meccanico (da molti ritenuto molto performante e gestibile) il cambio DSG presenta dei difetti legati alla sua natura elettronica stessa. Il cambio risulta molto robusto, ma una sua eventuale sfasatura riguardo alla mappatura potrebbe portare difficoltà di gestione che, allo stato attuale, necessitano di professionisti del settore autorizzati (e ben pagati)  per essere risolte. Da non sottovalutare anche il costo di eventuali parti di ricambio, che risulta ancora abbastanza elevato. Probabilmente una maggiore diffusione ed utilizzo permetterà di avere costi di gestione e riparazione minori in futuro.

Ultima modifica: 24 aprile 2017