Come cambiare e smontare la frizione auto

10155 0
10155 0

Forse non tutti sanno che la frizione dell’auto segue il principio della frizione meccanica in generale. Non c’è solo infatti quella dei veicoli, ma ogni volta che un componente meccanico connette a comando due alberi per permettere di modulare la trasmissione del moto rotatorio a velocità diversa. In particolare nei veicoli inerire la frizione significa disinserire temporaneamente la coppia motrice. Detto questo essendo una componente molto sollecitata, spesso si rompe. Forse meglio dire si spezza. Si è costretti così a cambiarla. La scelta è se procedere in autonomia cercando risparmiare qualche soldo. Oppure rivolgersi a persona competente, un meccanico nella fattispecie, e chiedere a lui di fare l’intervento. Di per sé non si tratta di una procedura difficile, ma come per ogni altra cosa l’abitudine e la praticità fanno il resto.

Un po’ di storia

 

Già ad inizio secolo con le prime automobili si poneva il problema della trasmissione. Ecco così che man mano fu ideata a tale scopo la frizione. Da allora tante cose sono cambiate, ma quest’importante componente è sempre lì. Gioia e dolore di chi è alla guida. Le prime furono quelle a cono. Si studiò poi un’alternativa che fu individuata in quelle a tamburo, ma fin da subito apparvero poco funzionali.

Si passò così con l’aumento della velocità a quelle a dischi multipli. Di queste tipologia se ne ebbero di diversi tipi classificate in base ai materiali in cui erano realizzate.

Le attuali frizioni sono a secco e a disco unico.

Come cambiarla

 

Se si volesse procedere allo smontaggio in autonomia senza quindi rivolgersi a persona esperto allora bisognerà cominciare col procurarsi tutti quegli attrezzi che potrebbero servire.Non deve mancare assolutamente la chiave inglese e soprattutto il crick visto che il veicolo andrà sollevato. Andranno inoltre smontate le ruote anteriori così da poter lavorare più comodamente.Fatto questo servirà smontare anche gli ammortizzatori. Per procedere bisogna individuare il fusello e togliere i suoi perni. A questo punto si dovrà scaricare l’olio del cambio, conservandolo per il riutilizzo. Per non incappare in alcun pericoli si consiglia di staccare il motorino di avviamento e la batteria. Per completare la procedura si individuerà la leva del cambio. Proprio al di sotto di quest’ultima ci sono due perni che tengono la frizione in tensione. Rimossi accuratamente tutti questi componenti si potrà finalmente tirare il filo della frizione.

Per il montaggio basterà procedere al contrario.

Ultima modifica: 26 aprile 2017