Calendario raduni auto d’epoca 2022

360 0
360 0

La grande pandemia ha costretto all’inattività anche le ruote storiche. Migliaia e migliaia di appassionati ogni anno percorrono chilometri lungo lo Stivale per partecipare ai raduni d’auto d’epoca in veste di proprietari – concorrenti o di semplici ammiratori – turisti. Sì, perchè seguire le splendide vetture dei tempi andati è anche un modo per visitare i tanti posti meravigliosi che il nostro Paese può vantare in ogni suo angolo. E dunque anche per gustare le celeberrime specialità tradizionali agroalimentari, conoscere paesaggi mai visti, acquistare produzioni artigianali che si credevano scomparse.

Auto d’epoca: dove poterle ammirare

Le limitazioni anticontagio costringono all’attesa gli appassionati da quasi due anni. La primavera dei raduni 2020 era pronta a sbocciare quando le disposizioni nazionali hanno imposto una brusca frenata. Tutti gli organizzatori, con il rammarico nel cuore, hanno dovuto dare appuntamento al 2021. Si pensava infatti che dodici mesi sarebbero bastati per sconfiggere l’insidiosissimo virus. E invece, purtroppo, siamo ancora alle prese con le contromisure anti Covid-19. La campagna vaccinale ormai quasi terminata e l’introduzione del Green Pass dovrebbe consentirci di guardare finalmente al futuro con un minimo di certezze.

Anche nel campo delle ruote storiche si guarda al 2022 come l’anno della definitiva ripartenza. Qualche evento è stato già programmato, ma è forse eccessivo parlare di calendario raduni auto d’epoca 2022. Due tappe che gli appassionati potranno già segnare in rosso sono quelle di Cortina d’Ampezzo e di Pralboino nel bresciano. La prima è la WinteRace che si svolgerà nella pregevole località montana bellunese dal 3 al 5 marzo del prossimo anno. Si tratta di un evento di regolarità classica unico ed esclusivo per il contesto nel quale si svolge. È facile immaginare quale fascino possano avere auto d’epoca ammalianti di per sé che s’inerpicano su strade di montagne dichiarate patrimonio mondiale Unesco.

E anche in considerazione della straordinarietà paesaggistica dei luoghi, alla WinteRace è ammessa la partecipazione di un massimo di 80 vetture. Per i frequentatori dei raduni è cruciale anche l’hospitality. Nel caso di specie, la kermesse cortinese consente di poter sperimentare la lussuosa accoglienza presso il Grand Hotel Savoia a cinque stelle. Va considerato inoltre che la WinteRace è una “Superclassica ACISPORT”, una delle gare di regolarità più attese del calendario invernale. La competizione si snoda lungo un percorso, tutto in territorio italiano, di 400 km in due tappe diurne. Due settimane dopo ci sarà un nuovo appuntamento.

Dal 20 al 21 marzo a Pralboino nel Bresciano sarà la volta del Trofeo Foresti, un evento che ha dovuto abdicare nelle ultime due edizioni ma ora scalpita per ripartire. Dedicato al ricordo di un grandissimo appassionato che coinvolse la sua famiglia al punto da indurli a tramandare l’happening per le generazioni future. E per chi proprio non può attendere, giovedì 27 gennaio faccia un salto a Milano. Ai piedi della Madonnina scatterà la partenza del Rallye Monte Carlo Historique.

Prossimo evento: Targa Puglia

Il 29 ottobre in Salento: ultima tappa del Giro di Puglia. Un lento tour nel Salento che parte da masseria Camarda dove Cesare e Alex Florio faranno rivivere i fasti di un motorismo che sembra consegnato ormai ai libri di storia. Motori ma anche sapori da apprezzare attraverso il passaggio (e la sosta) in luoghi meravigliosi, ricchi di storia e tradizioni anche enogastronomiche che lasciano il segno. Sarà possibile visitare anche le località della Grecìa salentina in collaborazione con i volontari del Fondo ambiente italiano.

Ultima modifica: 12 ottobre 2021