Bollino nero: quali sono i periodi di maggior traffico

3302 0
3302 0

Mettersi alla guida in un momento di traffico intenso può diventare un vero incubo, soprattutto a ridosso delle vacanze e nei periodi di festa, quando milioni di persone si spostano da casa alle località di villeggiatura e viceversa. Il bollino nero è il simbolo che, nelle analisi del traffico, indica quei giorni in cui chi si mette al volante rischia davvero di dover passare lunghe ore immobile nelle principali autostrade e strade extraurbane.

Periodi di maggior traffico

I periodi di maggior traffico sono quelli dei mesi estivi in cui la maggior parte delle persone ha le ferie, cioè luglio e agosto. In particolare, gli ultimi giorni di luglio e i primi giorni di agosto sono il momento in assoluto più “caldo”, con le autostrade trafficate all’inverosimile, ma altri momenti di grande congestione sono gli ultimi giorni di giugno e i primi giorni di luglio (quando c’è il ricambio con il “primo turno” dei villeggianti) e gli ultimi giorni di agosto e i primi di settembre (con l’esodo di ritorno della maggior parte delle persone verso la città).

Sono giorni da bollino nero anche quelli immediatamente intorno a Ferragosto, specie se in prossimità del weekend e ancor di più se con il 15 agosto c’è un ponte. In genere, tutti i weekend dell’estate sono a rischio.

Oltre all’estate, anche le vacanze di Natale sono un periodo di forte traffico, anche se in questi casi la circolazione è più fluida perché partenze e ritorni sono più scaglionati, in base alle feste. Altri giorni difficili sono legati a particolari ricorrenze tipiche di una città nello specifico: ad esempio sulle tangenziali milanesi sono giorni da bollino nero quelli del ponte di Sant’Ambrogio, il 7 dicembre, per la possibilità di un lungo ponte unendo l’Immacolata Concezione (il giorno successivo).

Per quanto riguarda i periodi di maggior traffico all’interno di un giorno specifico, questi di norma vanno dalle 6 fino alle 22, con le ore notturne che vengono scelte tradizionalmente per le “partenze intelligenti” di chi non può fare a meno di viaggiare proprio nei giorni più difficili.

Ultima modifica: 31 marzo 2017