Benzina al posto del gasolio: come risolvere la situazione

331 0
331 0

Spia in rosso, ci fermiamo alla più vicina stazione di servizio. La nostra automobile diesel ha bisogno di essere ‘ricaricata’ e ci fermiamo all’erogatore. Può capitare di essere distratti e quindi di mettere benzina al posto del gasolio. Cosa può succedere adesso? Come si accorge di quanto fatto? Vi sono sintomi evidenti? E le conseguenze, quali potrebbero essere? Tutte domande che potrebbero affollarsi nella nostra testa, anche perché mettere benzina al posto del gasolio, potenzialmente, potrebbe generare un indesiderato sfacelo. In questo articolo facciamo il punto della situazione cercando di capire cosa fare, e cosa non fare, quando ci si sbaglia nel fare rifornimento.

Cose da fare quando si mette la benzina al posto del gasolio

Se ci si accorge di aver messo benzina al posto del gasolio, il consiglio principale è quello di spingere la propria autovettura, a motore spento, oltre la stazione di servizio nella quale ci si è riforniti e chiamare immediatamente un carro attrezzi per trainare l’automobile in officina. Nel caso presso la stazione di servizio sia presente un benzinaio, anziché soltanto il self service, chiedere aiuto a questi. Bisognerà quindi svuotare totalmente il serbatoio dell’automobile, unitamente all’intero impianto di alimentazione: a quel punto, bisognerà fare eseguire un accurato controllo del motore.

Se non ci si rende conto subito di aver messo benzina al posto del gasolio invece, e si riparte verso la propria destinazione, ci si accorgerà del fatale errore durante la marcia: l’automobile, infatti, procederà dapprima a strappi; dopodiché, ci si accorgerà di un’enorme quantità di fumo emessa dallo scarico. Il consiglio, dunque, è di arrivare il prima possibile in un punto sicuro dove fermarsi, spegnere tutto, e poi chiamare il carro attrezzi per un pronto intervento.

Cose da non fare quando si mette la benzina al posto del gasolio

E’ più importante capire cosa non va assolutamente fatto nel caso in cui abbiate messo benzina al posto del gasolio. Una volta che ci si rende conto dell’errore, a rifornimento effettuato ma a motore ancora spento, è estremamente importante non avviare in alcun modo la nostra automobile. Questo per prevenire tutti i possibili danni. Se la chiusura centralizzata dell’automobile è attiva, bisogna evitare di sbloccarla ed evitare anche di aprire la portiera dal lato della guida. Oltretutto, in nessun caso andranno inserite le chiavi nel quadro: tutte queste, infatti, sono operazioni che mettono subito in funzione la pompa di iniezione dell’autovettura, e contribuirebbero ai conseguenti danni sul motore.

Come stimare i danni

Qualora si sia messo benzina al posto del gasolio, e non ci sia accorti in alcun modo di quanto fatto, i danni potrebbero essere molto gravi. Quelli più immediati riguardano una mancata lubrificazione del motore della nostra automobile: il gasolio per le automobili infatti, è costituito da una percentuale di olio di gran lunga superiore rispetto a quella della benzina; questo perché i motori diesel hanno bisogno di essere lubrificati anche attraverso lo stesso carburante. Circostanza, questa che, mettendo benzina al posto del gasolio, non si verificherà. Con tutti i problemi che ne conseguiranno. In seguito, comincerà a rallentare, fino a bloccarsi, la pompa di iniezione dell’automobile. A questo punto c’è realmente da tremare, poiché il danneggiamento concreto di pistoni e valvole sarebbe davvero dietro l’angolo.

Pensate che tutto questo possa bastare? Tutt’altro: è opportuno sapere, infatti, che la benzina brucia, rispetto al gasolio, a temperature inferiori e nella camera di combustione di un motore diesel, al contrario, le pressioni sono a dir poco elevatissime. Lo scenario più plausibile? La benzina si incendierebbe, in maniera anche piuttosto violenta, con la conseguenza che i gas di scarico raggiungerebbero in brevissimo tempo temperature molto più alte rispetto alla solita produzione. A quel punto, il motore intero della nostra autovettura andrebbe incontro a ripetuti e forti shock termici, rischiando (concretamente) una rottura totale.

Occhio, però: una delle conseguenze più gravi del mettere benzina al posto del gasolio è il rischio molto elevato di incendio dell’automobile qualora questa sia dotata di un filtro antiparticolato. Vale a dire gran parte delle vetture Euro 4 e tutte quelle dalle Euro 5 in su. Tale filtro, infatti, elimina le polveri per via delle temperature alte, ma il catalizzatore del motore diesel non è di regola progettato per convertire le tante sostanze in più presenti nella benzina. A quel punto quindi, vi sarebbe del passaggio di benzina incombusta sul filtro, ovviamente rovente, ed un’altissima probabilità che divampi un incendio.

Costi da sostenere quando si mette la benzina al posto del gasolio

Si stima che i costi da sostenere in caso di rifornimento errato possano essere anche cento volte superiori al pieno di un’autovettura di cilindrata medio/piccola: ergo, un errore potrebbe costare diverse migliaia di euro. C’è da fare un distinguo: se ci si rende subito conto di aver messo benzina al posto del gasolio e, come auspicato, non si è avviato il motore, le spese per il cosiddetto ‘ripristino’, ovvero del traino del veicolo, dello svuotamento del serbatoio e dell’eliminazione del carburante erogato ma inutilizzabile, si possono contenere in € 200,00 circa.

Se al contrario, si è messo in moto e si è ripreso la marcia, l’impianto di iniezione comincerebbe a subire danni e, continuando a guidare, l’entità degli stessi sarebbe destinata inevitabilmente ad aumentare. Un recente studio ha dimostrato come, in Europa, circa un milione di veicoli diesel subisce, ogni anno, danni in conseguenza di un rifornimento con benzina al posto del gasolio. Si calcola che i costi medi di riparazione, nel caso in cui il veicolo sia stato guidato fino al completo e definitivo arresto, possano oscillare tra i 6mila e gli 8mila euro. Nei casi di autovetture con motore particolarmente ‘sofisticato’, i costi possono lievitare fino a 15mila euro.

Importante: esiste un caso in cui si può chiedere un risarcimento per la benzina al posto del gasolio, ovvero quando l’operazione di rifornimento è stata eseguita in prima persona dall’addetto alla stazione di servizio. In questa circostanza, si può fare causa al gestore. Qualora l’errore sia stato nostro invece, niente da fare.

Ultima modifica: 30 novembre 2017