Autostrada Direttissima: è davvero più veloce ed economica?

313 0
313 0

Inaugurata alla fine del 2015, la cosiddetta Autostrada direttissima – nota però anche come Variante del Valico – è diventata una vera alternativa a una strada che per molti anni è stata croce e delizia di tutti coloro che si trovavano a dover percorrere l’Autostrada A1.

Sì, perché fino a 4 anni fa, le alternative non c’erano e si era pertanto costretti a viaggiare sulla cosiddetta Panoramica, ossia una strada sicuramente molto bella e scenografica da un punto di vista paesaggistico, ma anche impegnativa in termini di percorrenza, perché ricca di curve, nonché di traffico. La Direttissima ha quindi l’innegabile merito di aver spostato un bel po’ di traffico – anche pesante – da una strada fin troppo congestionata.

Ma la domanda che si pongono in molti è sicuramente questa: davvero la “nuova” direttissima è più veloce rispetto alla cara e vecchia panoramica? Scopriamolo insieme.

Direttissima: risparmio di tempo e denaro

Non si può certamente sbagliare, anche se si tenta di imboccare la direttissima per la prima volta nella propria vita. Da una parte, infatti, si imbocca la A1 Var – Var sta a indicare Variante del Valico, alias Direttissima – dall’altra si imbocca la A, ossia la Panoramica. Ed inizia il confronto.

Chi propende per la Var non resterà deluso, ne siamo abbastanza certi. Al netto di incidenti o casi particolari, infatti, i tempi di percorrenza della Variante del Valico rispetto alla vecchia Panoramica sono nettamente inferiori. Mediamente, infatti, ci si impiega un 30 per cento in meno per percorrere, di fatto, lo stesso tratto. E poiché la Panoramica è una strada piena di curve, quindi impegnativa anche per chi guida, il bilancio per la Var è positivo: si risparmiano tempo e anche soldi (per via dei consumi sicuramente ridotti).

A peggiorare le cose, quando si parla di Panoramica, poi, c’è la variabile lavori. Quello che interessa la A1, infatti, è un tratto perennemente oggetto di lavori e di ammodernamenti. Pertanto, in questi casi, se la strada è più complicata, meno dritta e decisamente più articolati, i lavori non potranno che peggiorare le performance di viaggio.

Pertanto, lo ribadiamo: a meno che non ci siano casi particolari di incidenti o di traffico veramente intenso, meglio propendere per il nuovo e provare a percorrere la direttissima o Var, o Variante del Valico. Non resterete delusi.

Ultima modifica: 9 ottobre 2019