Auto ghiacciata non parte: come fare per ripartire alla grande

157 0
157 0

Quante volte sarà a capitato a ciascuno di noi di svegliarsi al mattino, uscire fuori da casa, mettere in moto la propria vettura ma trovare l’auto ghiacciata? Durante le giornate invernali con temperature basse questo può capitare per mezzo dell’abbassamento dei gradi. Le macchine, da quelle più recenti e automatizzate a quelle datate, possono soffrirne e condizionare le nostre giornate. Molte volte, infatti, avvenimenti del genere condizionano ritardi e problematiche alle quali bisogna trovare delle soluzioni. Serve del tempo e un po’ di praticità. Nei tempi di oggi il web riveste un ruolo informativo rilevante. Quindi il primo consiglio risulta essere quello di leggere degli articoli e capire come fare.

Alcune indicazioni che si trovano in rete però potrebbero non essere affidabili. Soprattutto non ci potrebbe essere il tempo per fare dei tentativi. Dunque bisogna prevenire ogni evenienza sapendo dove mettere le mani. In primo luogo è sufficiente constatare se il veicolo che guidiamo e a carburatore o a iniettore. Essendo a conoscenza di tale nozione sarà più semplice intervenire: ogni struttura meccanica, quindi, può avere dei metodi risolutivi differenti per questo problema. Punto numero 1 : conoscere il proprio veicolo; potrebbe servire anche in altre circostanze.

Auto ghiacciata: come agire

Quando un auto rimane bloccata dal freddo istantaneamente si da la colpa alla batteria. E’ proprio questo componente, infatti, che, subendo un importante sbalzo termico, rischia di scaricarsi. E’, dunque, essenziale controllarne sistematicamente il suo stato oltre a procurarsene una di scorta per i casi di emergenza. Si può pensare anche di collegarla con quella di un’altra vettura con degli appositi cavi di corrente, per stimolare l’impulso elettrico giusto ad avviare il veicolo. Più in generale, nel caso in cui si possano verificare dei problemi sulla propria macchina è importante sapere come agire prima ancora di informarsi da altre fonti. Chiaramente, per chi non è informato sul settore, può essere più complesso; ma con un pizzico di buona volontà anche chi è negato per la meccanica riuscirà a memorizzare in poco tempo delle azioni pratiche da svolgere in caso di problemi del suo mezzo di trasporto. Cosa fare quando la macchina è ghiacciata e non parte?

Bisogna accertarsi se essa è a carburatore o ad iniettore. Nel primo caso si può tentare di bigiare sul pedale dell’acceleratore nel momento in cui la vettura è in stato di sosta; ciò faciliterà il contatto tra la benzina e il collettore permettendo all’auto di riprendersi più rapidamente. Quando ci troviamo davanti a dei mezzi di trasporto ad iniettore, invece, la prassi delle prescrizioni di seguire indica di ruotare la chiave in modo da provare ad accendere il quadro frontale al guidatore per almeno venti secondi. Incrociare i due metodi per i due diversi tipi di veicoli, oltre a dimostrare la non comprensione del funzionamento del proprio veicolo, vuol dire subire un insuccesso sicuro nel metodo di risoluzione del problema. In tal caso, non avendo altre idee, si può chiamare un operaio elettrauto specializzato che possa disponibilmente recarsi sul posto e verificare lo stato delle cose e poi, possibilmente, intervenire.

Altro metodo risolutivo

Un altro metodo per porre rimedio è quello di riscaldare la batteria della nostra automobile. E’ una pratica economica perché non prevede l’acquisto e la sostituzione della medesima, ma bisogna essere consapevoli che ci vorrà molto tempo per apportarla. Se si deve correre a lavoro, o si devono accompagnare i bambini a scuola,o per qualunque altro impegno, questa non è la pratica consigliabile. Si parla di tenere a ” riposo ”, cioè con i cavi staccati, l’apparecchio per almeno due ore.

Ovviamente questo aspetto dipende dall’auto che si ha di fronte. Se si vogliono avere più informazioni sulla batteria installata prima della sua vendita, si può consultare il manuale di istruzioni della macchina. Se non si possiede più quest’ultimo perchè lo si è smarrito, su internet non dovrebbe essere complicato procurarselo. Per svolgere la pratica di smontaggio e rimontaggio della batteria è imperativo recarsi in un garage, o in un posto chiuso, o comunque un luogo che sia abbastanza caldo; successivamente si procede con lo svitare le viti che fissano l’apparecchio alla struttura portante e procedere sarà semplice. Chiaramente bisogna possedere gli arnesi adatti per eseguire tutte le operazioni meccaniche sopra indicate. Il lavoro deve essere necessariamente svolto, come detto, in un luogo con temperatura medio – elevata per non compromettere lo stato di salute e provocare dei danni supplementari alla parte elettrica del veicolo.

Precauzioni consigliate

Per non incorrere in problemi con la propria vettura è sempre meglio andare incontro ad alcune precauzioni utili ad evitare ogni tipo di problema. Il vecchio detto trova conforto con i fatti: prevenire è meglio che curare. A volte un pizzico di attenzione prima, potrà ritornarci utile in futuro. Oltre ai danni effettivi sulla macchina e al legame affettivo che una persona può avere con la stessa e i ritardi di tempo che un guasto può provocare, bisogna considerare le problematiche economiche che ne derivano. Sostituire un pezzo o addirittura riparare alcune parti del sistema macchina sono sinonimo di spese a volte insostenibili per un guidatore medio. Come fare ad evitare tutto ciò? In primo luogo bisogna partire dagli aspetti più semplici: porre al caldo la propria vettura. Affittare un garage durante i mesi invernali può essere una spesa consistente, ma bisogna considerare che sarebbe un investimento che può portare dei vantaggi considerevoli.

Magari anche coprire la propria vettura con un telo che, oltre a salvaguardane la pulizia, può proteggere ancor di più la macchina presa in oggetto. In secondo luogo è conveniente acquistare un prodotto chimico che funga da anti – gelo: ce ne sono tanti in commercio, tra negozi di automobili e venditori online, e il costo è irrisorio per una durata lunga.E’ un liquido che si immette nel serbatoio e che non permette alla benzina di congelarsi. E’ la tecnica più utilizzata da chi vuole guidare le proprie azioni facendole diventare mirate e risolvere un problema che riguarda un po’ tutti.

Ultima modifica: 28 gennaio 2019