Auto familiare: quale macchina scegliere per il primo figlio

469 0
469 0

La nascita del primo figlio, di solito, cambia completamente le esigenze di una coppia. É proprio in quel momento che, anche se in realtà la famiglia nasce molto prima, fin dal momento in cui si decide di vivere insieme, si concretizza quel nucleo familiare che richiede particolari attenzioni e piccoli investimenti, a cominciare dall’auto. Ecco come scegliere l’ auto familiare per il primo nuovo arrivo.

Dall’utilitaria alla familiare

Sono moltissime, infatti, le coppie che decidono dal momento in cui mettono al mondo il loro primo figlio che la piccola utilitaria o la macchina sportiva con la quale si godevano la vita prima dell’arrivo del bebè non basta più. Serve qualcosa di più grande. Il ragionamento non fa una grinza.

È inevitabile che la nascita di un figlio comporti tutta una serie di incombenze e di necessità che richiedono più sicurezza e soprattutto più spazio. Per quanto negli ultimi anni siano stati fatti progressi prodigiosi per trasportare tutto il mondo che riguarda i bambini piccoli in poco spazio, piegando le carrozzine e rendendole di pochissimo ingombro, un bambino richiede sempre un aumento di spazio in termini di volume che è quasi il triplo rispetto a quello di una coppia normale senza figli.

SUV o familiare?

I bambini, a dispetto della loro dimensione, portano con sé un microcosmo di necessità che richiede una grande quantità di spazio e molto ordine. Da tutto il necessario per allattarli, cambiarli, vestirli. se si va in vacanza con un bambino piccolo, e si utilizza il proprio mezzo, sarà così certamente necessario portare con noi la culla del piccolo, perché possa dormire senza traumi fuori di casa così come è abituato a fare.

La scelta, di solito ricade su due modelli fondamentali che sono la station wagon, che gli italiani hanno per l’appunto ribattezzato fin da cinquant’anni la familiare, e il SUV, modello che sta andando per la maggiore negli ultimi trent’anni e che ha in qualche modo interpretato quelle che erano le caratteristiche dei fuoristrada con un concetto più legato all’abitabilità e alla sicurezza che non alla gioia di fare dell’off road.

Sotto questo aspetto è difficile dare consigli a una famiglia e soprattutto a chi si trova a guidare questo genere di auto che di solito può essere piuttosto voluminoso e non semplicissimo per chi è abituato alle utilitarie e alle macchine piccole. Anche le donne, in questo senso, hanno completamente rivoluzionato il proprio gusto e le proprie scelte in fatto di acquisti automobilistici. Da tempo infatti il mercato si è ulteriormente ampliato con una gamma specifica, l’urban SUV, appositamente dedicato al genere femminile per consentire alla mamma di vivere appieno la propria giornata con il suo piccolo. Per gli acquisti, e tutti gli impegni di giornata: dalla scuola, al gioco, all’asilo.

 

Ultima modifica: 30 settembre 2020