Auto d’epoca: tutte le curiosità

892 0
892 0

Possedere un’auto d’epoca in garage è pressappoco il sogno della maggior parte degli appassionati di veicoli a motore ma anche in questo caso dobbiamo conoscere e seguir tutte le norme per il possesso e la circolazione di questi meravigliosi veicoli.

Quando possiamo affermare di possedere un’auto d’epoca?

Prima di tutto bisogna distinguere tra auto d’epoca e auto storica. Le prime sono veicoli con oltre 30 anni di vita e senza i requisiti necessari per la circolazione, quindi esemplari cancellati dal registro del PRA (Pubblico Registro Automobilistico). Modelli destinati solo alle esposizioni (Pubbliche e private) che possono circolare esclusivamente durante queste particolari manifestazioni.

Mentre le auto storiche sono per così dire da ‘collezione’ e sono registrate presso l’ASI (Automotoclub Storico Italiano). Si tratta di veicoli che hanno una rilevanza storica come ad esempio la Cadillac Verde Smeraldo V8 Town Sedan (1928) di Alphonse Gabriel Capone conosciuto ai più come ‘Scarface’ Al Capone. Una delle prime auto blindate al mondo.

Ovviamente, gli anni si calcolano dall’anno di costruzione e non dall’immatricolazione del veicolo. A questo punto: per le auto d’epoca, si tratta solo di una questione di anni? Non proprio. Infatti, per poter essere presa in considerazione e per godere delle agevolazioni di Legge deve essere in un buono stato di manutenzione e, in particolare, con la maggior parte dei componenti originali.

Bollo auto: Si paga o non si paga?

Fino al 2014 tutti i proprietari di veicoli con almeno 20 di vita erano esentati dal pagamento del bollo. L’anno successivo, con l’approvazione della Legge di Stabilità 2015, si è deciso di passare da 20 a 30 anni per l’esenzione totale del bollo.

Ricordiamo, inoltre, che le auto d’epoca sono considerate a tutti gli effetti delle Euro 0 e quindi attenti alle restrizioni.

Quando fare la revisione?

Anche se sono utilizzate in rare occasioni, le auto d’epoca devono essere sottoposte a delle revisioni periodiche come previsto dalla Legge per tutti i veicoli.

Nel nostro caso specifico, la revisione del mezzo dovrà essere eseguita ogni due anni. Acquistare delle auto d’epoca comporta una spesa a parecchi zeri.

Basta dire che il modello dei record di vendita è la Ferrari 250 GTO. Un modello da corsa di soli 39 esemplari (1962-1964). Un modello della Ferrari 250 GTO (1963) detentore del titolo del Tour de France Auto del 1964 ha raggiunto a giugno 2018 il prezzo record in una compravendita privata di 62,7 milioni di euro.

Ultima modifica: 26 marzo 2020