Assicurazione quadriciclo a motore: cosa sapere

315 0
315 0

Questo veicolo gode di caratteristiche leggermente differenti rispetto a quelle di una qualsiasi auto, primo perché si tratta di macchine piccole, volte a piccoli spostamenti e a rappresentare una prima forma di esperienza per i giovani guidatori. Eppure, come una qualsiasi vettura, gode degli stessi diritti e doveri, tra i quali anche quelli di possedere un’assicurazione vera e propria. Cosa c’è da sapere al riguardo? Ebbene molto.

Microcar leggere o pesanti?

Anzitutto, i possessori di una minicar devono cercare di intenderla come una macchina a tutti gli effetti, così come quelle che vengono offerte dal mercato automobilistico. E sarà proprio questa presa di coscienza a far sì che essi possano trattarla con tutti i riguardi che anche questa vettura dovrebbe avere.Sia in ambito di percorrenza urbana che in quello assicurativo, queste vetture hanno una specifica graduatoria. Difatti, troviamo le microcar leggere e quelle pesanti. Ovviamente le più pesanti sono quelle che si avvicinano di più alle vetture che vediamo circolare ogni giorno, e l’assicurazione può essere più alta rispetto all’altro modello. Fortunatamente, sia nell’uno che nell’altro caso, vi sono delle polizze che possono offrire ai guidatori un netto risparmio , sia se si decida di acquistare la minicar da un privato, da un concessionario, oppure da un rivenditore dell’usato.

Assicurazione quadriciclo

L’assicurazione rientra in quelle della sigla RC per le moto ma in parte differisce proprio perché si tratta comunque di automobili. Essendo classificate in modi differenti esistono delle garanzie diverse tra le minicar leggere e pesanti. Se si decide di assicurare un mezzo leggero bisognerà far riferimento a degli elementi specifici, quali la cilindrata, l’immatricolazione, (la prima), che permetterà di comprendere la precisa “età” del veicolo; il modello di serie, tutte le caratteristiche del motore, soprattutto se si tratta di uno a combustione oppure elettrico. Anche le prestazioni, il peso, magari dettagli sull’antifurto, nel caso in cui vi sia; e infine informazioni riguardanti la residenza, l’età ed anche la “classe di merito” del possessore del veicolo. Da non dimenticare, il quantitativo delle vetture possedute dai familiari, l’uso e il totale dei chilometri percorsi dalla minicar. Perciò si dovranno attestare tutti quei dettagli che permetteranno di conoscere il mezzo a 360°.

L’assicurazione viene svolta una volta all’anno e per permettere ai guidatori di poter effettuare un confronto immediato con altre polizze, sono stati adibiti, anche sotto forma di app per smartphone, diversi servizi volti alla scelta di quella più adatta alle loro esigenze.

Ultima modifica: 19 febbraio 2019