Assicurazione auto scaduta: come rinnovarla

125 0
125 0

C’era una volta il tacito rinnovo e ora non c’è più. Tempi brutti per chi ha la memoria labile e l’assicurazione auto scaduta può diventare un problema serio. Non è raro trovarsi per una dimenticanza o per semplice superficialità in una condizione simile e le conseguenze possono essere ben spiacevoli.

Assicurazione auto scaduta: cosa sapere

Circolare con l’assicurazione auto scaduta non comporta soltanto una multa piuttosto onerosa, che va da 846 euro a oltre 3000, ma anche il sequestro amministrativo del veicolo. E non si tratta di una sanzione riservata soltanto alle auto che vengano trovate in giro per le strade pubbliche, ma riguarda anche i veicoli parcheggiati lungo la strada o in aree di sosta aperte, sia pubbliche, sia private.

Anche se doveste decidere di lasciare l’auto in un parcheggio perché l’assicurazione è scaduta e non avete intenzione di rinnovarla, o se l’auto si trova in qualche modo “abbandonata”, per il decesso del proprietario o per una qualsivoglia ragione, questo non vi esimerà dal pagamento dell’assicurazione, anche se il saldo compete ad eventuali eredi.

La copertura di una polizza per la responsabilità civile è obbligatoria e nessuno può farne a meno. I controlli per i trasgressori si sono fatti più capillari e incisivi, grazie anche alla tecnologia che consente attraverso il collegamento al portale dell’automobilista di verificare con le banche dati se un numero di targa corrisponde a un veicolo assicurato.

Non ci sono scappatoie, c’è soltanto un periodo cosiddetto di “tolleranza”, durante il quale la copertura assicurativa non cessa i suoi effetti, ma la durata è di soli 15 giorni ed è riservata solo alle polizze annuali.

Le garanzie assicurative per la responsabilità civile non possono essere superiori a un anno, ma frazionate in sei mesi sì. Trascorsi i 15 giorni l’assicurazione auto scaduta va rinnovata proprio perché non esiste più dal 2012 il tacito rinnovo, che avveniva automaticamente, senza che l’assicurato dovesse in qualche modo palesarsi alla propria compagnia.

Cosa succede dopo il periodo di tolleranza

Oggi gli istituti assicurativi sono tenuti, in prossimità della scadenza della polizza e in genere questo avviene con un anticipo di 30 giorni, ad avvisare il cliente della imminenza della scadenza.

Contestualmente sono tenute a rilasciare il certificato di classe di merito, che consente al cliente di stipulare una nuova polizza con una compagnia diversa, se dovesse trovare maggiore convenienza. In genere il cliente utilizza il preavviso di scadenza per ricontrattare le condizioni economiche.

Ma nel caso di polizza auto scaduta da più di 15 giorni, il contratto non viene rinnovato, ma se ne stipula uno ex novo.

Ultima modifica: 8 febbraio 2019