Aspirapolvere auto, quali accessori usare

756 0
756 0

La prendiamo in ogni momento della giornata, per lavoro, per divertimento, o semplicemente come veicolo familiare. La nostra auto è preziosa ma spesso porta evidenti i segni di un utilizzo frenetico che lascia poco spazio all’ordine e all’igiene. E se i casi più gravi richiedono una pulizia a fondo, per i problemi superficiali bastano pochi minuti e un apparecchio adatto. Un aspirapolvere auto è la scelta migliore, specie se si conoscono gli accessori giusti da usare.

L’apparecchio giusto

Se si vogliono ottenere risultati efficaci e duraturi bisogna utilizzare gli strumenti giusti. Un aspiratore per auto è un dispositivo capace di operare adeguatamente in tutti i punti dell’abitacolo, perlopiù nascosti alla vista e difficilmente accessibili. Non basta un aspirabriciole che non può infilarsi ovunque ed è dotato di autonomia assai limitata.

Qualcuno impiega i cosiddetti bidoni aspiratutto anche per l’auto ma si tratta di una scelta di ripiego (si tratta di apparecchi concepiti per abitazioni o locali commerciali – industriali) e assai scomoda perché ingombranti. E, dunque, se si vuole ottenere una pulizia efficace bisogna dotarsi senz’altro di un aspirapolvere auto della giusta potenza.

Polvere ma non solo: residui di cibo, pezzi di plastica, sporco d’ogni genere scompaiono sia dalla tappezzeria che dalle componenti in plastica che rivestono l’abitacolo. Un’azione importante sia per il decoro che per la salute di chi viaggia in macchina con noi. La polvere e i frammenti di materiale in dispersione aerea possono provocare problemi alle vie respiratorie, specie se si è colpiti da allergie. E per chi ama accompagnarsi con un amico a quattro zampe, l’aspirapolvere auto è di fondamentale importanza per migliorare le condizioni igieniche. Le aziende produttrici hanno commercializzato accessori che permettono di effettuare una pulizia perfetta. Andiamoli a scoprire.

Gli accessori per l’aspirapolvere auto

Uno dei più utili è il tubo flessibile. In commercio, se ne trovano di dimensioni diverse. Perlopiù ne basta uno da 80 – 100 centimetri che permette di raggiungere anche i punti più nascosti. Grazie all’avvitatura filettata è facilissimo applicarlo per poi rimuoverlo al termine. Inoltre, è possibile avvalersi di un bocchettone di aspirazione con spazzola asportabile che consente di pulire e aspirare contemporaneamente. Molto “gettonato” anche il beccuccio diagonale stretto per raggiungere anche gli angoli e le fessure altrimenti inaccessibili. Da non trascurare poi un accessorio apparentemente secondario che invece può risultare molto importante: il sacchetto.

A seconda della tipologia di apparecchio che si sceglie si dovrà infatti procedere alla sostituzione o allo svuotamento a serbatoio riempito. Ma gli apparecchi più moderni permettono di prescindere da entrambi: grazie alla tecnologia ciclonica l’aria pulita viene separata dalla polvere e si deposita sull’apposito filtro che provvede ad eliminarla successivamente. Per la tappezzeria dei sedili è opportuno dotarsi di spazzole ad hoc che rimuovono lo sporco e in particolare gli acari della polvere. Per chi viaggia in compagnia di animali è decisamente consigliabile la spazzola per cani con meccanismo autopulente: i peli vengono estratti automaticamente dalla spazzola.

Ultima modifica: 13 gennaio 2020