Pulizia dei filtri aria condizionata auto

337 0
337 0

La pulizia dei filtri dell’aria condizionata non è un optional, ma una pratica importante sia per tutelare la salute nostra e di chi ci accompagna in auto, sia per migliorare il comfort del viaggio.

La corretta manutenzione va considerata un passaggio obbligatorio periodico se si vogliono evitare problemi. Dalla corretta respirazione dipende anche la giusta concentrazione del guidatore, particolare spesso ingiustamente sottovalutato. E poi ci sono anche non trascurabili ragioni estetiche e di decoro a suggerire caldamente la pulizia dell’apparato filtrante dei flussi d’aria provenienti dall’esterno dell’abitacolo.

Questi piccoli dispositivi nascosti solitamente sotto i parabrezza svolgono tutti i giorni un’azione preziosa catturando le impurità che altrimenti entrerebbero nella vettura. Un’attività ininterrotta che dunque è soggetta a usura e ostruzioni. Il libretto di bordo della nostra automobile ci indicherà i metodi più idonei per riportarli nella completa efficienza.

Come pulire i filtri

L’utilizzo di un detergente ad hoc o di un apparecchio per l’aspirazione dello sporco sono alcuni dei sistemi utilizzati abitualmente per la pulizia dei filtri, ma si può procedere anche manualmente, a patto di sapere come e dove mettere le mani. Di seguito troverete alcune utili dritte.

Una possibile opzione è la pulizia dei filtri tramite un apposito detergente. Prima di disinfettare i condotti di aspirazione è necessario asciugare preventivamente l’evaporatore. E’ un componente nascosto alla vista che può essere asciugato lasciando in funzione l’impianto di riscaldamento della vettura per dieci minuti con il motore acceso. Si passa quindi a spruzzare una quantità generosa di schiuma igienizzante su tutti i condotti dopo aver aperto la scatola del filtro anti-polline collocato nella zona anteriore dell’abitacolo, sotto il parabrezza. Acceso il motore, si impostano riscaldamento e climatizzatore alla massima velocità per alcuni minuti avendo cura di variare la direzione delle bocchette a diverse altezze. Si ricolloca quindi il filtro anti-polline e si richiude la scatola di alloggiamento.

Si può poi ricorrere al vaporizzatore interno da posizionare sul pavimento dietro il sedile del conducente. Il fascio del getto deve essere diretto verso l’alto. Avviato il motore, si aziona la ventola ruotando la manopola in piena apertura. Chiudere tutti i finestrini e aprire il vaporizzatore: la ventola dovrà essere lasciata in funzione per almeno venti minuti.

Bisogna tener presente che se il filtro presenta evidenti segni di usura è opportuno provvedere alla sostituzione che invece è evitabile in presenza di spazi semiliberi e dunque disostruibili. Occhio inoltre a interventi superficiali o maldestri. La ricarica dell’aria condizionata ad esempio è altra cosa dalla pulizia dei filtri e richiede il ricorso a tecnici specializzati.

Ultima modifica: 20 settembre 2019