Area sosta: dove è consentito fermarsi in autostrada

15027 0
15027 0

Stai affrontando un lungo viaggio in autostrada e i primi segni di stanchezza iniziano a farsi sentire? In quale area sosta è possibile parcheggiare?

Un lungo viaggio comporta spesso un certo affaticamento che richiede una pausa per ricaricare le batterie. Quando si è in autostrada, in particolare, questo bisogno potrebbe risultare più impellente. Oltre alle aree di servizio, che offrono anche un punto di ristoro, è possibile fermarsi anche in altre zone? Ebbene sì, l’area sosta in autostrada è uno spazio adibito agli automobilisti che necessitano spezzare il loro viaggio con una pausa.

La presenza della corsia di emergenza talvolta induce gli automobilisti a effettuare delle soste non autorizzate. La conseguenza è la tanto temuta multa pecuniaria. A seconda della gravità e del caso di specie, la multa parte da un minimo di 84 Euro. Non si esclude tuttavia il fermo del mezzo e la revoca della patente. Per evitare una simile conseguenza, bisogna comportarsi in modo corretto e prestare la massima attenzione a dove si sosta. L’unica eccezione prevista per la circolazione sulla corsia di emergenza è l’ingorgo nei pressi di un’uscita autostradale.

E’ possibile quindi fermarsi nella corsia di emergenza? Se il conducente o il passeggero sono colti da un malanno o il motore va in avaria, la sosta nella corsia di emergenza è possibile, fino a un massimo di tre ore. Trascorso questo tempo, le forze dell’ordine possono procedere alla rimozione del mezzo. La corsia di emergenza serve a non intralciare il traffico, senza creare un ostacolo per gli altri utenti della strada.

Inoltre, nella corsia di emergenza e in tutte le piazzole di sosta non è possibile effettuare la retromarcia, a meno che non si debba uscire da un parcheggio. La soluzione migliore per sgranchirsi le gambe e concedersi una pausa dalla guida è data dalle aree di sosta. Queste zone sono adibite alla sosta delle auto, per qualche minuto o per delle ore consecutive. Gran parte delle aree di sosta si trovano lungo la carreggiata nel senso di marcia e debitamente segnalate. In queste aree è possibile trovare, anche se molto di rado, dei servizi chimici per i bisogni fisiologici di guidatore e passeggero.

A differenza della corsia di emergenza, in queste aree è possibile sostare fino ad un limite massimo di 24 ore. Con questo lasso di tempo, il viaggiatore può riposare e recuperare in fretta le proprie energie. Trascorse le 24 ore, non è più possibile rimanere in quell’area. In caso di segni di stanchezza che richiedono un ulteriore riposo, è comunque possibile effettuare una seconda sosta nella prossima area.

Ultima modifica: 27 settembre 2017