Albero motore: come pulirlo e quali prodotti utilizzare

5807 0
5807 0

In ambito meccanico, l’albero motore è un organo che trasmette un moto rotatorio. Nei motori a pistoni, l’albero motore (definito anche ‘albero a gomiti’, ‘albero eccentrico’ o ‘collo d’oca’) converte il moto alternativo dei pistoni in un moto rotatorio, poiché parte integrante del sistema tra biella e manovella.

Nelle automobili, in particolare, l’albero motore è connesso alla scatola del cambio: qui alloggiano l’albero primario e quello secondario. La scatola, dal canto suo, trasferisce dunque il moto ad un albero di trasmissione il quale, a sua volta, attraverso il differenziale lo trasmette ai semiassi (chiamati anche ‘alberi delle ruote’).

L’albero motore può essere provvisto, o comunque caratterizzato, da alcuni elementi o specifiche funzionalità a seconda del tipo di compito al quale deve ottemperare: nel caso di albero motore dritto, può essere cavo perché, in questo modo, sarebbe più leggero ma senza alcuna compromissione di rigidezza in torsione; può essere controrotante specialmente sulle moto poiché ruotando in senso opposto a quello delle ruote, annullerebbe parte dell’effetto giroscopico, ridurrebbe l’impennata del mezzo e permetterebbe un cambio di direzione e traiettoria più veloce.

Come accade per tutti i componenti meccanici tempo, umidità ed usura contribuiscono a deteriorare l’albero motore. Prima di sostituirlo dal meccanico, però, è possibile anche ripulirlo e tirarlo a nuovo da soli, con una procedura semplice e davvero poco dispendiosa. Tutto quello che serve, infatti, è della benzina, una bacinella, una paglietta in ferro oppure uno strato di carta vetrata sottile, un panno secco, del lubrificante, uno strumento ad aria compressa, della finitura poliuretanica e qualche vecchio quotidiano.

Bisogna riempire la bacinella con la benzina ed immergervi dentro l’albero motore. Qualora questo sia pesantemente arrugginito, lasciarlo dentro anche fino a 24 ore, di modo che dopo risulti più facile eliminare gli accumuli ossidati. Fatto questo, togliere l’albero motore dalla bacinella, poggiarlo delicatamente su una superficie spaziosa ed asciugarlo per bene con un panno morbido. Gran parte di sporcizia e ruggine dovrebbero essere già state eliminate, però per compiere un lavoro certosino con la paglietta oppure con la carta vetrata bisognerà ripassare tutte le zone rimaste ossidate. La paglietta può essere anche inumidita con una soluzione di acqua caldo ed un po’ di detersivo per piatti. Al termine di quest’operazione, asciugare tutto con un panno asciutto.

Per dare, quindi, all’albero motore una parvenza di novità, andrà applicata, esternamente, una finitura protettiva trasparente con l’ausilio di una spugnetta morbida. Infine, lasciare asciugare bene all’aria e ripassare di nuovo: una volta pronto, potrà essere reinserito nel suo alloggio naturale nel mezzo di trasporto.

Ultima modifica: 24 ottobre 2017