Come affrontare al meglio un lungo viaggio in moto

199 0
199 0

Si avvicina la bella stagione e non vedete l’ora di mettervi in sella alla vostra rombante due ruote. Sì, certo, ma non volete correre il rischio che quella che avete immaginato come una bella avventura si trasformi in una spiacevole disavventura tutta da dimenticare.

Se seguirete i consigli che ci permettiamo di offrirvi qui di seguito, è probabile che riusciate ad evitare il pericolo.

Che siate motociclisti ormai scafati o invece alle prime armi, prima di affrontare un lungo viaggio in moto è bene infatti tenere sempre a mente alcune avvertenze e precauzioni che possono aiutarvi a non sprecare una bella occasione di divertimento all’aria aperta.

Cosa fare prima di partire?

Innanzi tutto: prima di partire effettuate un controllo globale della moto. Il che significa, in particolare, che sarà bene fare una visita al vostro meccanico di fiducia e fargli controllare, in primis, l’impianto frenante e i livelli dell’olio. Dopodiché è pure consigliabile fargli montare anche delle ruote tutte nuove, non si sa mai.

Una buona idea sarà anche quella di munirvi di un paio di borse da viaggio belle grandi da appendere ai lati della moto, sulla ruota posteriore. Lì dentro custodirete i vostri cambi d’abito e soprattutto i documenti della vostra beneamata.

Badate di portarvi appresso anche un minimo di pronto soccorso meccanico, per dir così: quei due o tre attrezzi indispensabili per poter affrontare da soli piccole riparazioni volanti. Dopotutto siete un centauro, una riparazione all’impronta non vi fa certo paura!

Fate attenzione al tragitto da percorrere!

Cercate, nei limiti del possibile, di conoscere nel dettaglio il percorso che andrete ad affrontare, soprattutto se si tratta di un itinerario lungo e impegnativo.

Analizzate il tipo di strade che dovrete percorrere: le pendenze, il tipo di fondo, il tipo di paesaggio che le affianca.

Se potete, cercate di pianificare un percorso che eviti le autostrade. Queste ultime infatti per solito non offrono granché dal punto di vista del paesaggio e della natura. Meglio le strade secondarie e soprattutto quelle panoramiche: in un viaggio in moto sono queste che regalano quella sensazione impagabile di libertà.

Sul fronte diciamo così tecnologico, abbiate cura di non lasciare a casa lo smartphone (lo sappiamo, al giorno d’oggi questa è una raccomandazione pressoché superflua): grazie al navigatore incorporato come app, infatti, vi aiuterà a riguadagnare la strada principale, nel caso vi siate lasciati andare a troppe deviazioni secondarie.

Non solo: segnatevi su una cartina tutti i ristoranti. In un viaggio in moto essere affamati e non sapere dov’è il posto di ristoro più vicino non è piacevole. Munitevi anche di una fotocamera: i panorami sono belli da godere live, ma anche da rivedere a casa, belli comodi sul divano. Infine abbiate cura di vestirvi come si deve: guanti, giubbotto e casco. Scegliete tutto materiale omologato e di qualità.

Come si dice, “better safe than sorry”.

 

Ultima modifica: 2 aprile 2019