Lavaggio moto: quali prodotti utilizzare

399 0
399 0

Il lavaggio moto è uno degli elementi fondamentali per poter garantire la sua corretta manutenzione. In questo modo, infatti, è possibile mantenere in buono stato sia il suo aspetto esteriore che le sue parti meccaniche, attuando una pulizia da cima a fondo. Scopriamo quali sono i prodotti più adatti per eseguire il lavaggio di una motocicletta nel modo più opportuno.

Come eseguire un lavaggio moto

Se non ci si vuole affidare ai lavaggi automatici e si preferisce optare per una tipologia differente di pulizia, il lavaggio moto eseguito autonomamente risulta essere la scelta migliore. In questo modo si è in grado di trattare più delicatamente anche le parti più fragili del proprio veicolo, così da evitare l’eccessiva forza della quale le lance idropulitrici sono spesso provviste.

Innanzitutto, per effettuare un corretto lavaggio moto “da casa” è necessario posizionarsi in un luogo pianeggiante e possibilmente in cemento. Inoltre, l’ideale sarebbe trovarsi nelle vicinanze di un rubinetto d’acqua, così da poter riempire un secchio di acqua pulita ogni volta che se ne verifica il bisogno: questa deve essere tiepida, in modo tale da non danneggiare le diverse parti del veicolo.

Inoltre, una delle più importanti accortezze da seguire quando ci si accinge a lavare la propria moto è coprire le parti più delicate del mezzo, ossia quelle che potrebbero rovinarsi a causa dell’acqua e del sapone. Ad esempio, è necessario salvaguardare l’impianto di scarico, i comandi elettrici del manubrio, le frecce, i fanali anteriori e posteriori, la serratura della sella ed infine l’antifurto.

Quali prodotti utilizzare per il lavaggio moto

Oltre al luogo nel quale effettuare il lavaggio moto, è importante considerare quali prodotti utilizzare. Inoltre, ogni parte del veicolo è costruita in maniera differente: perciò, è probabile che siano necessarie diverse tipologie di strumenti e prodotti a seconda dell’area che si deve pulire. Alcuni dei prodotti che si possono impiegare per lavare una moto autonomamente sono:

  • Sgrassatore: questo prodotto deve essere applicato solamente sulle parti più sporche del proprio mezzo a due ruote. Infatti, questo è in grado di pulire a fondo la motocicletta e serve solitamente per il parabrezza, per la parte anteriore della carrozzeria e per la ruota anteriore.
  • Shampoo per moto: questo shampoo consiste in un detergente adatto a pulire anche le parti più delicate della moto. Ne serve soltanto un piccolo quantitativo, il quale deve essere diluito all’interno di un secchio d’acqua pulita per poi procedere con il lavaggio.
  • Spugna: la spugna deve essere immersa all’interno del secchio d’acqua in cui è presente lo shampoo per moto, così da pulire il proprio veicolo in maniera efficace.
  • Panno in microfibra: in alternativa alla spugna, è possibile utilizzare un panno in microfibra. Questo è in grado di assorbire liquidi fino a otto volte il proprio peso, ed è inoltre più delicato rispetto ad una spugna.
  • Lavamotore: il lavamotore è un detergente adatto alle parti meccaniche della moto, nelle quali un sapone tradizionale potrebbe risultare troppo aggressivo. Esso deve essere spruzzato all’interno del motore e, dopo aver aspettato che agisca, deve essere risciacquato in maniera delicata.

Infine, se si vuole dare un aspetto ancora più pulito alla propria motocicletta, è possibile utilizzare un lucidante in bomboletta. In questo modo la vostra moto può acquisire una brillantezza ancora maggiore.

Ultima modifica: 21 aprile 2022