Sony Vision S, berlina elettrica laboratorio di tecnologia e self drive | VIDEO

1408 0
1408 0

Sony Vision S la sorpresa della multinazionale dell’elettronica al CES di Las Vegas è un’auto elettrica. Non si stratta di un prossimo modello di serie, ma di una specie di laboratorio su quattro ruote per le tecnologia di guida autonoma e di multimedia.

Lo stile è quello di una grande berlina, lunga 4,9 metri al 100% elettrica. Con forme moderne e in linea con altre quattro porte a batterie di prestigio, quali Tesla Model S e Porsche Taycan. Della collaborazione fa parte dei colossi dell’automotive, quali Bosch, Continental, Magna Steyr, Nvidia, Qualcomm e ZF.

Sony ha ribadito che l’auto non sarà prodotta in serie, ma ha anche comunicato che la piattaforma può essere utilizzata per berline e SUV. Adatta ad alloggiate batterie più sottili e di peso ridotto. L’autonomia non è stata dichiarata. Sono due i motori elettrici, uno all’anteriore e uno al posteriore, capaci di erogare 272 cavalli ciascuno (544 cv totali). La velocità massima è di 240 chilometri orari, l’accelerazione a 0 a 100 km/h si completa in 4,8 secondi.

Sony Vision S, 33 sensori per la guida assistita

Sony Vision S è data di ben 33 sensori (con Lidar allo stato solido) che controllano abitacolo ed esterno. Nuovi sensori permettono di avere dati anche in condizioni proibitive di luce e visibilità. Tutto è controllato, su strada e anche all’interno, con monitoraggio del guidatore. E’ iperattive per la guida assistita di livello 2, ma di fatto è pronta per il livello 3 e con aggiornamenti anche al livello 4.

Il digitale domina in plancia, con un impianto speciale, il 360 Reality Audio. con ben 30 diffusori. Ovviamente la connettività è 5G, che permette una gestione totale, da remoto o con aggiornamenti over-the-air. E una totale personalizzazione delle preferenze di guida.

Ultima modifica: 7 gennaio 2020

In questo articolo