Hyundai con Uber per i taxi volanti. Operativi nel 2023 | VIDEO

1401 0
1401 0

Hyundai ha siglato un accordo Uber per i taxi volanti. La mobilità aerea nelle grandi città sarà un tema non banale nel futuro: per questo è nato Uber Elevate, al quale partecipa per primo il Marchio su coreano.

Un servizio, di flotta aerea condivisa, che sarà richiesto: al CES di Las Vegas è stato presentato il prototipo S-A1. Dal quale nel 2023 deriveranno i primi modelli operativi. Frutto dell’unione di forze tra il grande costruttore auto e la potenza della piattaforma di Uber.

La sinergia tra i due Marchi è stata chiamata Uber Air Taxis. Hyundai produrrà gli aerotaxi, Uber si occuperà dei servizi logistici a terra, della gestione dei clienti e del supporto prima della corsa.

Hyundai ha creato una decisione apposita la UAM (Urban Air Mobility). I taxi volanti arriveranno sul mercato nel 2023, classificati come veicolo aereo personale (PAV, personal air vehicle).

E’ dotato di una tecnologia speciale. Le forme sono da aereo, ma atterraggio e decollo sono in volo verticale, al pario degli elicotteri. Le eliche – numerose ben 12 rotori, ma piccoli, quindi meno rumorosi – sono mosse da un motore elettrico, alimentato da batterie.

Fino a 290 km/h sopra le megalopoli

Gli eredi di S-A1 voleranno, trasportando fino a 4 passeggeri, ad un’altitudine compresa da 300 e 600 metri, con una velocità massima di crociera di 290 km/h. L’autonomia dichiarata è di circa 100 km. A bordo inizialmente è predisposto anche il pilota, ma la guida aerea autonoma è prevista.

 

Ultima modifica: 7 gennaio 2020

In questo articolo