Taxi a guida autonoma Mercedes: via alle sperimentazioni

789 0
789 0

Daimler e Bosch inizieranno presto alcuni test su strada per veicoli a guida autonoma destinati a una flotta di robo-taxi. L’annuncio è ufficioso, ma arriva direttamente dal CEO di Bosch, Volkmar Denner, in un’intervista al magazine tedesco Automobilwoche. “Nei prossimi mesi”, ha dichiarato Denner, “ci saranno dei veicoli di prova per le strade”.

Leggi anche: Bosch e la ridondanza: frenate e sterzate per la guida autonoma

LA STRATEGIA

Si tratta di un naturale sviluppo nella partnership nata fra Mercedes-Benz e Bosch lo scorso anno, con l’obiettivo di sviluppare tecnologie di guida autonoma sempre più avanzate, fino ad arrivare alla produzione di veicoli senza conducente.

Il progetto dei robo-taxi Mercedes-Bosch rientra nella sempre più diffusa tendenza, da parte delle aziende tecnologiche e delle case automobilistiche, di adattarsi a una domanda di mobilità diversa. Un numero crescente di consumatori e utenti, infatti, soprattutto nei grandi centri urbani, sta superando il concetto di auto come proprietà personale, ricercando nuove e più comode forme di trasporto, integrando macchine a noleggio, car sharing e mezzi pubblici, da geolocalizzare e prenotare attraverso i propri smartphone.

Leggi anche: FCA darà a Google i taxi a guida autonoma, saranno i Chrysler Pacifica

MODELLI NUOVI

Al momento non ci sono dettagli più precisi, ma Vilko Stark, vice presidente Daimler, ha affermato che “non si tratterà di un kit tecnologico montato su un veicolo di serie, ma di vetture inedite, progettate fin dall’inizio per muoversi in modo autonomo”. Ha anche aggiunto che “oltre a veicoli di livello 3, con un già alto livello di autonomia, produrremo modelli completamente autonomi, di livello 4 e 5”.

Ultima modifica: 6 febbraio 2018