Le nuove autostrade si adattano alla guida autonoma

558 0
558 0

Radar a infrarossi e microonde, telecamere di sorveglianza collegate con banda ultraveloce a una centrale di elaborazione dati, sistemi evoluti di monitoraggio del clima e segnali stradali intelligenti che comunicano con le macchine. Sono questi i sistemi installati su un’autostrada in Cina, studiati e realizzati per adattarsi alle auto con guida autonoma.

LA NUOVA AUTOSTRADA

Sarà lungo 26 chilometri, con tre tunnel, tre caselli e un cavalcavia, il nuovo tratto autostradale di prossima costruzione in Cina, nella provincia di Shandong. Cos’ha di speciale? Sarà il primo tratto di strada intelligente interamente costruito per adattarsi ai nuovi veicoli con guida autonoma. Ai margini della carreggiata, infatti, verranno installati dei particolari sensori che dialogheranno in tempo reale con le vetture, per consentire una gestione in piena sicurezza del traffico.

RADAR A INFRAROSSI E MONITORAGGIO DEL CLIMA

La nuova autostrada sarà dotata degli ultimi ritrovati della tecnologia nell’ambito della ricerca per la guida autonoma dei veicoli. Ai bordi della strada intelligente verranno montati dei radar a raggi infrarossi e a microonde, capaci di dialogare in tempo reale grazie alla tecnologia 5G con le vetture che transiteranno in quel tratto. Oltre ai radar saranno installate telecamere di sorveglianza e sistemi di monitoraggio del clima, capaci di intercettare i cambiamenti del tempo e comunicarli ai veicoli che viaggiano sulla strada. Completeranno il tratto autostradale dei segnali stradali intelligenti collegati a un centro di elaborazione dati.

NON SOLO L’AUTOSTRADA, IN PROGETTO C’È UN CENTRO DI RICERCA

Il progetto dell’autostrada che si adatta alla guida autonoma non si esaurisce con la costruzione dei 26 chilometri di tratto stradale. La Qilu Transportation Development Group – che si occuperà della costruzione dell’autostrada – ha già comunicato che, entro il 2024, verrà realizzato un centro di livello internazionale per la ricerca, lo sviluppo e la sperimentazione delle auto a guida autonoma. Un polo di primissimo livello dove far convogliare tutte le nuove tecnologie già esistenti e sperimentare gli ultimi ritrovati.

Ultima modifica: 22 aprile 2019