Jaguar Land Rover sviluppa l’Autonomous Urban Drive

2383 0
2383 0

Jaguar Land Rover ha dato dimostrazione di un prototipo di tecnologia di guida autonoma denominata Autonomous Urban Drive, che può consentire ad un veicolo di operare autonomamente in città, rispettando le segnalazioni dei semafori e la segnaletica stradale agli incroci e alle rotatorie.

La tecnologia Autonomous Urban Drive è stata progettata e sviluppata in Gran Bretagna. Si è dunque fatto un passo ulteriore per raggiungere il “livello quattro” di autonomia, programmato per i veicoli Jaguar Land Rover del prossimo decennio.

I veicoli autonomi di livello quattro sono quelli capaci di svolgere tutti i compiti della guida in ambienti specifici quali città e paesi, senza alcun intervento del guidatore. Impiegando la nuova tecnologia Autonomous Urban Drive, installata sul prototipo Range Rover Sport, è possibile scegliere una destinazione e lasciare al veicolo la scelta del percorso migliore. L’auto può muoversi in un ambiente urbano complesso come quello ricostruito al testing ground di HORIBA MIRA, nel Regno Unito.

Jaguar Land Rover sta sviluppando tecnologie che interessano sia i veicoli semiautonomi che quelli autonomi, per poter offrire la scelta tra guida coinvolgente o guida autonoma, assicurando in ogni caso al guidatore un’esperienza al volante sicura e divertente. La visione dell’azienda è rendere l’automobile autonoma attiva nel maggior numero possibile di situazioni di vita reale, su asfalto o in off-road, e in ogni condizione atmosferica.

Tony Harper, Director of Engineering Research di Jaguar Land Rover, dichiara: L’evoluzione del panorama automobilistico è sempre più rapida. Di conseguenza la nostra innovazione tecnologica procede incessantemente; i nostri futuri veicoli saranno sempre più capaci, puliti, connessi, desiderabili e intelligenti.”

“Lo studio Autonomous Urban Drive è il prossimo passo di Jaguar Land Rover nello sviluppo delle tecnologie di guida autonoma e semiautonoma. Ovviamente non intendiamo sostituire il guidatore, creando un’auto senza pilota. Le tecnologie future offriranno invece qualcosa in più al guidatore, assistendolo e migliorandone complessivamente l’esperienza di guida.”

La dimostrazione del sistema Autonomous Urban Drive rientra nel progetto di ricerca e sviluppo “UK Autodrive”, da 20 milioni di sterline, che mira a posizionare la Gran Bretagna all’avanguardia dell’innovazione tecnologica nel campo dei veicoli autonomi e connessi. Jaguar Land Rover, insieme alla Ford e al Centro Tecnico Europeo Tata Motors, sta sperimentando le tecnologie connesse che consentiranno ai veicoli di comunicare fra loro e con le infrastrutture stradali, semafori inclusi.

Terminate le prove presso l’HORIBA MIRA, nelle Midlands, i primi test su strada si svolgeranno entro la fine dell’anno a Milton Keynes e Coventry. Inizialmente le prove verranno svolte su strada chiusa, per poi passare ai test su strade aperte al pubblico e alle dimostrazioni; la chiusura del progetto è prevista per l’estate del 2018.

Tecnologie dei veicoli connessi

Intersection Collision Risk Warning (ICRW). Allerta per tempo il guidatore che è pericoloso immettersi in un incrocio in caso di alta probabilità di collisione. L’ICRW potrebbe ridurre il numero e la gravità degli incidenti, nonché regolarizzare il traffico.

In Vehicle Signage (IVS). Invia sul display del veicolo informazioni sul percorso e sul traffico. Quali cantieri stradali e variazioni dei limiti di velocità. Minimizzando la dipendenza del guidatore dalla segnaletica fisica. Tale tecnologia mira a ridurre incidenti e congestione del traffico.

Emergency Vehicle Warning (EVW). Segnala al pilota l’approssimarsi di un veicolo d’emergenza e la direzione di provenienza. Questa tecnologia mira a migliorare la sicurezza e a velocizzare il transito dei veicoli d’emergenza. Diminuendo la congestione del traffico in quanto i vari veicoli possono far loro strada con minor stress e più rapidamente.

UK Autodrive

UK Autodrive è un’associazione di industrie automotive, autorità locali e istituzioni accademiche. Che rientrano in un programma triennale di test sulle tecnologie dei veicoli connessi ed autonomi. Che, nella seconda metà del 2017, si svolgeranno in aree circoscritte di Milton Keynes e Coventry. Il progetto Autodrive terminerà nel 2018 con una serie di prove su strada aperta. E con dimostrazioni in entrambe le città. L’associazione contribuisce a rendere il Regno Unito un Hub mondiale della ricerca, sviluppo e integrazione nella società dei veicoli automatizzati e connessi. L’associazione curerà anche altri aspetti della guida automatizzata. Inclusi la sicurezza, i problemi di sicurezza informatica e il gradimento del pubblico verso questi veicoli.

Ultima modifica: 26 giugno 2017

In questo articolo