La Germania apre ai test di guida autonoma su strade pubbliche

1339 0
1339 0

La Germania è il primo Paese europeo ad approvare una legge sulla guida autonoma su strade pubbliche. Il Parlamento ha dato il via libera, mettendo chiaramente una serie di paletti.

I grandi costruttori tedeschi sono stati i promotori della legge. La corsa a questa tecnologia, insieme all’elettrico, è la principale sfida che l’automotive sta vivendo al momento. Entro dieci anni, ma per molte Case l’obiettivo è anche più vicino, si punta allo sviluppo definitivo della guida autonoma.

Tornando alla Germania, una persona patentata sarà sempre presente al posto di guida, potrà staccare le mani dal volante e fare altro ma è tenuta a intervenire in caso di emergenza. Eventualità che devono essere segnalate dai software della vettura.

La responsabilità ultima, in caso di incidenti, ricadrebbe però comunque sull’essere umano alla guida. Per tutelare al massimo il guidatore, la legge prevede l’istituzione di una scatola nera simile a quella degli aerei.

Si tratta di una versione decisamente più avanzata di quella utilizzata comunemente sulle vetture. Sarà in grado di registrare tutte le criticità tecniche in modo da attribuire la responsabilità in caso di incidente. I dati resteranno a disposizione delle forze dell’ordine per sei mesi.

I test su strade pubbliche sono già permessi in diversi Paesi, dagli Stati Uniti all’Oriente. La Germania è il primo stato europeo ad avere una legge in tal senso, ma è facile attendersi che qualcuno segua il suo esempio.

Ultima modifica: 31 maggio 2017