Fiat verso la guida autonoma: un centro prove negli Stati Uniti

4158 0
4158 0

Anche FCA è attiva nel solco dello sviluppo della guida autonoma. È giunta infatti la notizia che il gruppo guidato da Mike Manley (che ha preso il comando dopo la scomparsa di Sergio Marchionne) ha stanziato 30 milioni di dollari per potenziare l’area di test Chelsea Proving Grounds in Michigan e renderla un luogo adatto alle prove per veicoli senza conducente.

Leggi anche: FCA potrebbe vendere presto Magneti Marelli

Si tratta di un passo avanti notevole per FCA in questo settore. Finora, infatti, è rimasta indietro rispetto ad altri colossi, anche se già qualche sortita nel mondo del self-driving lo ha già fatto fornendo una flotta di Chrysler Pacifica robotizzate per le ricerche di Waymo (lo spin-off di Google).

Questo investimento ha l’obiettivo di dare migliori strumenti alle ricerche di Waymo e di altri partner, ma anche (e soprattutto) consente a FCA di cominciare a sviluppare dei propri sistemi interni. I primi test alla Chelsea Proving Grounds debitamente aggiornata sono previsti già per settembre. Le modifiche all’area di test prevedono l’implementazione di una pista dedicata alla guida autonoma in condizioni autostradali, un’area di controllo sui sistemi di sicurezza e un centro di comando dedicato accessoriato con le più avanzate tecnologie.

Ultima modifica: 5 settembre 2018