I camion a guida autonoma Volvo fra i tornanti delle miniere norvegesi

430 0
430 0

Sei camion Volvo FH a guida autonoma operano nella miniera di calcare della società Brønnøy Kalk, a Velfjord, in Norvegia. Si tratta del frutto del primo accordo commerciale stipulato da Volvo Trucks con un’azienda mineraria (la norvegese Brønnøy Kalk AS, appunto) che prevede l’utilizzo di mezzi senza conducente per il trasporto dei materiali.

Leggi anche: Volvo si allea con la cinese Baidu per sviluppare auto a guida autonoma

I camion viaggiano su un tratto di cinque chilometri, fra gallerie e tornanti, che collega la miniera al frantoio. Prima di arrivare all’accordo definitivo, le due società stanno testando l’efficacia dell’idea, con i camion che operano seguiti ancora da operatori umani pronti a intervenire. Ma siccome i test stanno dando risultati molto positivi, le due aziende hanno voluto già anticipare la chiusura felice del contratto. Si tratta di un accordo a suo modo rivoluzionario: i mezzi, infatti, non vengono acquistati dalla Brønnøy Kalk, ma semplicemente noleggiati e il pagamento a Volvo si basa sulle tonnellate di calcare trasportate.

Leggi anche: Volvo Trucks presenta Vera, il camion a guida autonoma senza cabina

Il video dei camion al lavoro nella miniera di calcare:

Raymond Langfjord, Managing Director della miniera, ha così commentato il progetto: “La concorrenza nel settore è agguerrita. Ecco perché cerchiamo di aumentare continuamente i nostri livelli di efficienza e produttività a lungo termine e abbiamo una visione chiara di come utilizzare le nuove opportunità offerte dalla tecnologia e dalle soluzioni digitali. Desideravamo un partner affidabile e innovativo, che condividesse la nostra attenzione alla sostenibilità e alla sicurezza. L’autonomia aumenterà in modo significativo la nostra competitività in un mercato globale complesso”. Tradotto sta a significare che l’utilizzo di camion a guida autonoma a noleggio può contribuire a ridurre i costi di funzionamento di una miniera. Uno scenario interessante per il futuro delle tecnologie di self-driving, che va oltre alla dimensione del traffico urbano.

Ultima modifica: 27 novembre 2018

In questo articolo