Bosch, telecamere e intelligenza artificiale in abitacolo per controllare il guidatore

794 0
794 0

Intelligenza artificiale e telecamere a in abitacolo per monitorare guidatore e passeggeri e correggere la guida: Bosch sta sviluppando una nuova frontiera.

Uno sviluppo importante, in linea, anzi anticipando e sopravanzando, la tabella di marcia della comunità Europea, che per il 2022 renderà obbligatori a bordo delle vetture i sistemi di controllo dell’attenzione di chi è al volante. Molto di più del controllo stanchezza operativo su alcune vetture.

Tutto gioca sulla crescita e le qualità dell’intelligenza artificiale. La quale, coadiuvata dalle telecamere, sarà in grado di sorvegliare e correggere il comportamento di tutto l’equipaggio dell’auto. E intervenendo, specialmente se abbinato ai futuro livello 3 della guida assistita.

Osserva e interviene

Telecamere e I.A. (intelligenza artificiale) spazieranno in tutto l’abitacolo. A partire dallo sterzo “guardano” direttamente il guidatore. Il suo stato di attenzione e anche i colpi di sonno. Segnalando con avvisi sonori e acustici o facendo intervenire il self drive.

Nel retrovisore esterno un’altra camera osserverà i passeggeri. Per predisporre gli airbag, ma anche per controllare la presenza di un seggiolino o di un rialzino.

Le telecamere potranno anche riconoscere le persone. Attivando, se sono state predisposte, preferenze di modalità di guida, della posizione dei sedili e dell’infotainment. Una comodità in più.

Ultima modifica: 17 dicembre 2019

In questo articolo