ZF, novità elettrificate con sistemi di trazione, super comupter e hi-tech

643 0
643 0

L’elettrificazione comanda su tutto. ZF, il colosso dei componenti fondato dal Ferdinand von Zeppelin (sì, quello dei famosi dirigibili, tra le tante cose…)  nel 1915, presenta numerose novità allo IAA Mobility 2021. Il focus, giocoforza, è sulla elettrificazione, parziale e totale, come ha precisato il Gruppo: “tecnologie per la trasmissione a basse emissioni, parzialmente elettrificate e totalmente elettriche”. Un vastissimo panorama di innovazioni.

In testa lo Modular eDrive Kit, dedicato alle trasmissioni al 100% elettriche. Si tratta di una piattaforma flessibile, composta da sistemi, soluzioni, componenti modulari e controlli software per l’elettrificazione: un salto in avanti.

Il nuovo kit permette di ridurre fino al 50% i tempi di sviluppo di nuove trasmissioni per veicoli puramente elettrici e soprattutto il il Modular eDrive Kit disponibile in svariate configurazioni. Adatto per vetture elettriche da 75 a 400 kW di potenza, e da 350 a 540 Nm di coppia. Un raggio molto ampio.

Per (quasi) tutti i tipi di auto elettrica

Il Modular eDrive Kit sarà sviluppato in due segmenti: Premium con architettura 800 V, al carburo di silicio, e Basic(400 V).

E tre classe di potenza: Low, sono ai 100 kW, Mid fino a 200 kW, queste prime due per motori elettrici asincroni(ASM) o sincroni (PSM) e High, oltre 200 kW per motori sincroni con inverter a carburo di silicio.

Otmar Scharrer

Le parole di Otmar Scharrer, Senior Vice President R&D Electrified Powertrain Technology,

Tutte le nuove trasmissioni porteranno dei significativi miglioramenti nella densità di potenza, nel peso e in efficienza

Lo eConnect

Integrabile con il Modular eDrive Kit, è lo eConnect. Si tratta di una soluzione flessibile per veicoli, anche ibridi,  trazione integrale. Progettato per non occupare spazio aggiuntivo, disaccoppia il secondo assale per risparmiare energia fino a che non risulta necessaria per la guida. Efficiente.

Lo eConnect riduce le perdite dovute alle resistenze meccaniche fino al 90%. Se necessario, però, può innestare il secondo assale nell’arco di millisecondi grazie a un innesto dentato.

Massime prestazioni

Infineil ProAI, il computer centrale definito da ZF come “il più flessibile e potente del mondo automotive” per gestire al meglio i sempre più avanzati sistemi di sicurezza, efficienza e comfort delle auto. Un gestore velocissimo.

Disponibile con diverse prestazioni. Da 20 a 1.000 TeraOPS. Rispetto alla versione precedente, ha aumentato le performance fino al 66% e ridotto il consumo energetico fino al 70%. Tutte le varianti di ZF ProAI sono realizzati un’unica piattaforma che misura 24 – 14 – 5 centimetri.

Nella sostanza, occupa meno spazio di un iPad. ProAI è adatto a qualsiasi veicolo e per tutti i livelli di guida assistita e autonoma, dal Livello 2 al Livello 5. Pronto per ogni tipo di applicazione nel self drive.

Leggi ora: tutte le news del Salone di Monaco 2021

Ultima modifica: 7 settembre 2021

In questo articolo