Yamaha YZF-R1 GYTR, moto speciale per un compleanno particolare

464 0
464 0

Compleanno speciale ad EICMA. Il 2018 saluta il 20° anniversario di uno dei modelli più iconici nella storia del motociclismo, il primo modello Yamaha YZF-R1, nel 1998, rivoluzionò il mondo delle superbike. Le dimensioni, l’erogazione del motore, la configurazione degli elementi della ciclistica e i telaio stesso furono completamente ripensati. Yamaha per vent’anni ha continuato a utilizzare come piattaforma per l’innovazione la superbike che ha cambiato le regole del design. Raggiungendo livelli di eccellenza mai sperimentati prima nel settore.

Per celebrare i 20 anni di questa moto rivoluzionaria, tre team racing Yamaha hanno partecipato alla leggendaria 8 ore di Suzuka, in sella a moto che presentavano la livrea bianco-rossa della prima YZF-R1 del 1998. Alla guida di moto “special edition” e indossando tute in pelle coordinate ai colori della carena, lo Yamaha Factory Racing Team di Alex Lowes, Michael van der Mark e Katsuyuki Nakasuga hanno dato tutto per l”impresa epica di assicurarsi la quarta vittoria consecutiva nella prestigiosa gara endurance.

Mezzo speciale, solo per la pista

Il modello che celebra la ricorrenza è l’edizione limitata di YZF-R1 GYTR 2019, già pronta per la pista. “Vestita” con la livrea vincente 20° Anniversario – 8 ore di Suzuka, è dotata di serie di una vasta gamma di componenti GYTR Performance Products – Genuine Yamaha Technology Racing. E di altre parti che ne esaltano le prestazioni. YZF-R1 GYTR è solo per la guida in pista.

La dotazione principale GYTR su YZF-R1 GYTR comprende l’impianto elettrico racing, ECU, CCU e quick throttle. Questa Racer esclusiva monta all’anteriore il performante gruppo forcella Öhlins FGRT 219, l’ammortizzatore posteriore TTX36 GP. E l’ammortizzatore di sterzo regolabile, oltre allo scarico in titanio Akrapovič Evolution 2. Inoltre sono presenti protezioni Gilles Tooling per il carter motore e per i mozzi.

La moto prevede anche l’adozione di componenti racing non prodotti da Yamaha. Che sono stati  selezionati e montati in collaborazione con i tecnici racing dell’Official Yamaha Racing Team. Tra questi la carena integrale racing in carbonio, con l’iconica livrea della 8 ore di Suzuka. Dopo l’assemblaggio le moto vengono sottoposte a una prova al banco con freno dinamometrico per il motore. E a una messa a punto specifica per il telaio, per garantire a tutti il potenziale vincente in pista. Una moto per veri appassionati del road racing.

YZF-R1 GYTR, solo 20 pezzi, prenotabili da dicembre

Yamaha Motor Europe produrrà solo venti esemplari di questa moto esclusiva. Uno per ogni anno durante il quale YZF-R1 ha tracciato la strada nel mondo superbike. Il modello in mostra all’EICMA è un prototipo. Il prezzo sarà noto alla metà di dicembre, quando si potrà prenotare online.

Chi sarà abbastanza fortunato da poter mettere le mani su questo pezzo unico nella storia del motociclismo sarà automaticamente iscritto a Yamaha Racing Experience (YRE) 2019. Dove imparerà dagli specialisti a ricevere il massimo dalla sua moto, già pronta a scatenarsi in pista.

Ultima modifica: 7 novembre 2018

In questo articolo