Volvo: il futuro è elettrico e ibrido, stop al diesel dal 2023

826 0
826 0

Hakan Samuelsson, amministratore delegato di Volvo Cars, ha annunciato che dal 2023 la Casa svedese interromperà la produzione di vetture motorizzate diesel. La generazione di propulsori attualmente sviluppata potrebbe essere l’ultima a causa dei costi elevati necessari per rispondere alle norme anti inquinamento.

Per quella che è la prospettiva odierna, non svilupperemo nuove generazioni di motori diesel“, ha detto Samuelsson in un’intervista al Frankfurter Allgemeine Zeitung.

Successivamente, la posizione di Volvo ha assunto forme meno rigide. Un portavoce della Casa svedese ha detto che l’interruzione dello sviluppo dei diesel è un’ipotesi e non un piano già stabilito. Lo stesso Samuelsson, in un comunicato riportato da Reuters, ha corretto il tiro: “Abbiamo appena lanciato una nuova generazione di motori benzina e diesel, confermando il nostro impegno su queste tecnologie. Di conseguenza, sviluppare una nuova generazione di motori diesel non è necessario al momento“.

Nell’intervista al quotidiano tedesco, Samuelsson aveva sottolineato come i diesel fino al 2020 avrebbero rispettato le regole sulle emissioni della Comunità Europea. Dopo quella data, però, i continui aggiornamenti alle norme avrebbero fatto lievitare troppo i costi.

Gli investimenti di Volvo nei prossimi anni sono concentrati soprattutto sul settore ibrido ed elettrico. Sul mercato è atteso per il 2019 il primo modello completamente elettrico degli svedesi. “Dobbiamo riconoscere che Tesla ha offerto un tipo di vettura per cui la gente fa la fila. In questo segmento ci può essere spazio anche per noi, con progetti attrattivi e di alta qualità“.

Ultima modifica: 18 maggio 2017