Volkswagen Tiguan, nuovo motore quattro cilindri 2.0 litri TSI

7302 0
7302 0

La Volkswagen Tiguan con il nuovo motore da 2.0 litri arriverà nelle concessionarie nella prossima estate, che rappresenta un’evoluzione del classico EA888 a quattro cilindri di Volkswagen. La versione aggiornata del motore EA888 a quattro cilindri, turbocompresso e a iniezione diretta, utilizza un’innovativa modifica al tradizionale ciclo a quattro tempi per offrire una combinazione migliorata di potenza, efficienza e reattività.

Introdotto per la prima volta nel 2009, EA888 esplicita la strategia di Volkswagen volta a rendere sempre più piccoli i motori turbocompressi con conseguenti vantaggi anche in termini di consumi. Rispetto al motore EA888 Gen 3 da 1,8 litri che oggi ritroviamo negli attuali modelli di Passat, Jetta, Beetle e Golf, la nuova generazione 3B EA888 da 2.0 litri offrirà un’efficienza di carburante migliorata insieme ad una spinta del 20 per cento in più in termini di coppia massima.

La maggior parte delle componenti del motore sono state aggiornate rispetto al modello precedente. Si tratta del blocco in ghisa, dei pistoni in lega di alluminio, della testa del cilindro e delle molle delle valvole. Nell’ottica di rendere il motore più efficiente, Volkswagen ha introdotto un ciclo di combustione Miller modificato, unico per quanto riguarda le vetture del gruppo Volkswagen. Mentre il tradizionale ciclo Miller chiude le valvole di aspirazione appena prima della fine della corsa di aspirazione, il cosiddetto ciclo Budack chiude molto prima le valvole di aspirazione.

Volkswagen Tiguan
Se nel 2018 il nuovo propulsore Volkswagen sarà presente esclusivamente sulla Tiguan, in un secondo momento sarà reso disponibile anche sugli altri modelli

La caratteristica fondamentale che consente al nuovo motore di ottenere vantaggi competitivi importanti in termini di efficienza nei consumi e di prestazioni, tuttavia,  è il sistema di temporizzazione delle valvole variabili sull’albero a camme di aspirazione. A seconda del carico del motore, è possibile passare da un’apertura di valvola corta e lunga. A velocità minime e sotto carico parziale, l’apertura della valvola è più breve, mentre diventa più consistente man mano che si aumenta la velocità, in modo da rendere disponibile al conducente la massima coppia del motore.

Il picco di 184 cavalli con il nuovo motore si raggiunge a 4400 giri al minuto, 400 giri prima rispetto al modello precedente.  La coppia massima di 221 lb-ft si raggiunge all’interno dello spettro che va da 1.600 a 3.940 giri al minuto, mentre i nuovi iniettori TSI possono spingere il carburante nel cilindro ad una pressione massima di 250 bar o 3.626 psi, con fino a tre sequenze di iniezione per corsa a seconda delle condizioni.

Se nel 2018 il nuovo propulsore Volkswagen sarà presente esclusivamente sulla Tiguan, in un secondo momento sarà reso disponibile anche sugli altri modelli.

Ultima modifica: 24 maggio 2017