Volkswagen T-Roc, crossover destinato a lasciare il segno. Il test | VIDEO

10895 0
10895 0

Il mercato dell’auto è affamato di Suv. E lo sarà ancora di più nei prossimi anni. In Italia oggi siamo nell’ordine del 15% del venduto. Volkswagen ha aspettato il momento opportuno per giocare il proprio asso con uno dei modelli più attesi del 2017.

E se per decenni la Golf ha interpretato nel modo migliore i gusti della gente, la speranza della casa tedesca è che la nuovissima T-Roc faccia altrettanto, in questo ideale passaggio di testimone tra passato e futuro in fatto di auto di tendenza.

Nel test drive di Lisbona, abbiamo provato un crossover destinato a lasciare il segno. Già prenotabile in concessionaria, ma disponibile solo da gennaio 2018. La vettura ruba l’occhio per quello che è il suo design grintoso. Silenziosa e piacevole da guidare. Ottima tenuta di strada, possibilità di variare le modalità di marcia, agile nel traffico cittadino. Può assumere un tono ancora più giovanile se si sfrutta la possibilità di abbinare agli undici colori della carrozzeria le quattro tonalità diverse del tetto.

Costruita a Setubal in Portogallo, la T-Roc (la ‘T’ richiama i modelli Touareg e Tiguan), come sottolineato da Andrea Alessi direttore di Volkswagen Italia, ha le carte in regola per lanciare la sfida alle due leader in Italia del segmento B. Ovvero Fiat 500 X e Jeep Renegade, con un prezzo inferiore rispetto alle due rivali in rapporto ai veri allestimenti. In questa fase di lancio (per ora non è una prevista una versione a metano), due le motorizzazione a benzina.

Volkswagen T-Roc, il listino prezzi

Un ‘mille’ da 115 cavalli, trazione anteriore, con cambio manuale (22.850 euro). E un 1.5 con 150 cavalli a un prezzo di 25.250. Al momento un solo diesel per l’Italia: il 2.0 TDI, 4×4 con 150 cavalli (cambio manuale o automatico Dsg 7 rapporti) con un prezzo che va da 30.400 a 34.400 euro. Più avanti arriveranno altri due turbodiesel, Il 1.6 da 115 cv (dalla prossima primavera e sarà tra i più richiesti) e il 2.0 da 190, oltre a un benzina Tsi (150 cv).

Due allestimenti, scelta più facile

T-Roc, che precede di un anno la più compatta T-Cross, mostra un volto più sportivo che da crossover. Senza comunque rinunciare a spaziosità interne abbastanza generose. Aspetto importante, i soli due allestimenti. Ciò significa una dotazione di serie di un certo valore e un minore imbarazzo nella scelta del modello preferito. Style e Advanced sono le due declinazioni.

La prima, quelle meno costosa, propone tutto ciò che un cliente può desiderare, e anche pretendere, in fatto di sicurezza. Dall’assistenza alla frenata (Front Assist), al Lane Assist che avverte il guidatore se l’auto abbandona di corsia di marcia, al sistema che mantiene la velocità in funzione dell’auto che lo precede. I gruppi ottici led posteriori, il tetto bicolore, il display touch da 8 pollici, la perfetta comunicazione con tutti gli smartphone, completano il pacchetto.

 

Scegliendo i modelli Advanced, i cerchi sono da 18”, fari anteriori full led. E l’Active Info Display che rimanda la mappa davanti agli occhi del conducente. La capienza del baule non è male. Posizione comoda per guidatore e passeggero, più sacrificati i tre posti dietro.

Paolo Reggianini

Ultima modifica: 27 ottobre 2017

In questo articolo