Volkswagen Bulli 6.1, iconico van all’avanguardia per comfort e hi-tech

347 0
347 0

Volkswagen Bulli 6.1 è un colpo al cuore per gli appassionati. La Casa di Wolfsburg ha aggiornato il suo van, il cui nome modello è T6.1, battezzato come l’iconico furgone.

L’ultima evoluzione della famiglia di multivan “T” si presenta come riferimento per il trasporto di gruppi e famiglie numerosi, al top per tecnologia e ovviamente comfort. Arriverà sul mercato a inizio autunno. 

Il design è quello del T6, affinato e soprattutto disponibile in varie tinte bicolori, affascinanti ed evocative.

Volkswagen Bulli 6.1, digitale e connesso

La grande novità sta nell’abitacolo, con strumentazione digitale e configurabile della plancia, nuovo volante multi-funzione e una sim dati che permette la connessione dell’infotainment, dotato ovviamente di comandi vocali avanzati. Le versioni saranno a cinque e a sette posti.

I motori, per un mezzo di questa stazza, non possono che essere Diesel, per garantire autonomia ed efficienza. Il TDI di VW è conforme alla normativa  Euro 6d Temp. Le potenze a disposizione sono di 110, 150 e 199 cavalli.

Le ultime due versioni sono disponibili anche a trazione integrale. Il cambio può essere manuale o automatico DSG a doppia frizione.

Per favorire una guida più fluida è presente il servosterzo elettro-meccanico. Gli ADAS disponibili sono numerosi. Ovvero cruise control adattivo, con funzione stop & go se abbinato con cambio DISGLane Assist, Park Assist, riconoscimento automatico della segnaletica stradale, Rear Traffic Alert e uno particolare per l’assetto, il Crosswind Assist che in caso di vento laterale potenzialmente pericoloso stabilizza il Volkswagen Bulli 6.1.

Gli allestimenti sono Trendline, Comfortline e Highline. La top di gamma aggiunge di serie fari a Led, lo schermo da 8” con strumentazione digitale completa e Park Assist. Al lancio ci sarà anche Bulli 6.1 Cruise, dotato di climatizzatore tri-zona, un pacchetto completo di sistemi multimediali e di assistenza alla guida.

Ultima modifica: 2 settembre 2019

In questo articolo