Toyota T-HR3, il robot umanoide. Primo passo verso l’assistenza | VIDEO

530 0
530 0

Toyota T-HR3, non è Goldrake o Mazinga. Si tratta di un robot che prefigura l’assistenza all’essere umano. La terza generazione di un modello umanoide, realizzata da Toyota, offre spunti davvero interessanti. Robot e Giappone sono un binomio inscindibile nell’immaginario da decenni. Ma è altrettanto vero che le Case auto nipponiche da anni siano interessate nella ricerca e nello sviluppo di queste macchine.

Si tratta della piattaforma di robotica più evoluta di Toyota. Che è stata ideata e sviluppata dalla Partner Robot Division del brand per esplorare nuove tecnologie di gestione delle interazioni fisiche tra i robot e l’ambiente che li circonda. E’ dotata di un sistema che replica in modo preciso e in tempo reale i movimenti dell’operatore all’interno del Master Maneuvering System.

Toyota T-HR3, l’obiettivo è assistere

Il Toyota T-HR3 propone funzionalità che assistono l’essere umano in ambienti diversi. Dalle mura domestiche alle strutture ospedaliere, nei cantieri edilizi, nelle zone colpite da disastri e addirittura nello spazio.

Il T-HR3 è controllato da un Master Maneuvering System. Che consente al corpo del robot di replicare il movimento delle mani, delle braccia e dei piedi. Questo  grazie alla mappatura da parte dei controlli indossati dall’operatore. C’è anche un visore che visualizza le immagini dalla prospettiva del robot.

I motori, i riduttori e i sensori di coppia montati sul T-HR3 e sul Master Maneuvering System (denominati complessivamente Torque Servo Module) sono collegati ad ogni singola articolazione. Questi moduli comunicano i movimenti dell’operatore direttamente alle 29 parti che compongono il corpo dell’automa. E ai 16 sistemi di controllo del Master Maneuvering System per garantire movimenti sincronizzati.

Ultima modifica: 23 novembre 2017

In questo articolo