Toyota Proace City. Van o passeggeri da 4,4 o di 4,7 metri e fino a 7 posti | VIDEO

274 0
274 0

Toyota Proace City è il nuovo furgone compatto, disponibile sia come veicolo commerciale, sia come trasporto passeggeri.

Due le lunghezze della vettura: Short da 4,4 metri e Long da 4,7 metri. Proace City passeggeri sarà disponibile con 5 e 7 posti su entrambe le dimensioni.

Toyota Proace City

Notevole la  capacità di carico, pari a un volume massimo di 3,7 m3 (versione Short con Smart Cargo) e 4,3 m3 (versione Long con Smart Cargo). E’ una delle poche nel segmento a poter trasportare due Euro pallet sulla versione Short.

Con lo Smart Cargo la lunghezza di carico raggiunge un massimo di 3,1 metri per la variante Short e di 3,4 metri per la variante Long.

La portata utile disponibile sulla versione Long, pari a una tonnellata, si attesta come una delle migliori della categoria. Per i professionisti che vorranno incrementare la capacità di carico, Toyota Proace City potrà rimorchiare masse fino a 1.500 kg. Per il posteriore la versione Furgone prevede di serie 2 porte asimmetriche, mentre la versione Passenger, un portellone singolo con apertura verticale finestrato.

I motori sono benzina e diesel, con un ventaglio di opzioni che spaziano dai 75 ai 130 cavalli di potenza, oltre alla scelta tra cambio manuale a 5 o 6 rapporti oppure cambio automatico a 8 marce. Ovvero il 1.2 turbo benzina da 110 cv S&S. E il 1.5 diesel in tre varianti da 75, 100 CV (cambio manuale a 5 rapporti) e 130 CV (manuale a 6 rapporti).

Sistemi di assistenza alla guida: di serie su tutte le versioni  Pre-Crash, Road Sign Assist, Lane Keep Assist, Cruise Control ed un “Coffee Cup Warning”, una funzionalità pensata per consigliare al conducente di prendersi una pausa dalla guida dopo un lungo periodo di viaggio.

Prezzo- L’offerta di lancio sarà a partire da 17.150 euro. Mentre Pay per drive connette sarà con rate a partire da 169 euro per la versione VERSO Short 1.2B 110 CV Lounge.

Toyota Proace City, la galleria fotografica

 

Ultima modifica: 20 maggio 2020

In questo articolo