Toyota GR Supra, prova su strada. GT speciale, emozioni al top | VIDEO

767 0
767 0

GR Supra è il manifesto sportivo di Toyota. Una coupé emozionale, una sportiva vera. Incontro di civiltà, se vogliamo. Nasce da una sinergia con BMW ma è esaltata dal retaggio giapponese.

Costruita a Graz, in Austria e forgiata sul banco di prova assoluto della sportive, il Nurburgring.

La “S” iniziale del logo Supra, che campeggia sul vistoso posteriore, ha volutamente la stessa forma della “Wehrseifen”, una delle curve più celebri e temute dell’Inferno Verde.

Supra – Listino

GR Supra è la quinta generazione di un modello che ha fatto storia, negli appassionati, anche di tuning e videogiochi, come il mitico Gran Turismo, del quale continua ancora a fare parte.

Lontana dalle strade e dalle piste dal 2002 torna, con il prefisso GR, acronimo di Gazoo Racing. Si tratta della sezione motorsport del Marchio, autrice dei trionfi nel rally e alla 24 ore di Le Mans.

E’ il primo modello prodotto a livello mondiale da questa divisione. Pronto a confrontarsi con rivali del calibro di Porsche 718 Cayman e Audi TT.

Radici forti, GR Supra è un inno alla sportività. Motore anteriore, il 6 cilindri in linea di origine BMW, un 3 litri da 340 cavalli e trazione posteriore. E imparentata con la bavarese Z4, anche per cambio automatico a 8 marce e piattaforma, seppur con le dovute specifiche.

Supra – Equipaggiamento

Si presenta bene, lunga 4,38 metri, larga 1,85 e alta 1,29. Muscolosa, compatta (quasi come la più leggera GT86) e filante, acuminata dove serve. Non è la solita coupé.

GR Supra, design fuori dal coro

Esibisce un design peculiare, derivato dal concept FT-1, non certo dimesso. Gli interni sono “dedicati” al pilota, il cruscotto evidenzia giustamente i giri motore prima di tutto. Complessivamente di buona fattura, decisamente corsaioli: ottimi i sedili.

Il telaio è stato affinato nei test di migliaia di chilometri nel circuito del “Ring”. Puntando alla migliore sintesi tra bilanciamento e performance. Esaltato dal differenziale attivo, dalle sospensioni adattive e da un impianto frenante votati alla massima efficienza. Trazione e agilità sono discriminanti positive della vettura.

Supra – Scheda tecnica

I 500 Nm di coppia del turbo benzina spingono frotissimo già a 1.600 giri. Aggiungiamo il peso di 1.495 kg e possiamo concludere che il passo è da vero felino.

GR Supra, oltre allo scatto (0-100 km/h in 4,3 secondi) è una biscia tra le curve, in strada rispettando codice, e in pista portandola al limite: del guidatore, quello della vettura è molto più elevato.

La percorrenza dichiarata è di 13,3 km/litro (7,5 litri/100 km). Per la verità è impossibile viaggiare con passo costante, avendo a disposizione tanta grazia.

Ma abbiamo verificato che il sei cilindri in linea, molto equilibrato, sa essere anche non assettato. E scoppietta di più rispetto alla versione utilizzata da BMW Z4.

Toyota GR Supra, prova su strada 16

Rendimento sempre al massimo

In pista l’abbiamo provata a Jarama, anche con Jarno Trulli, ex pilota di Formula Uno di buon livello. GR Supra conferma la missione di Toyota: “produrre auto migliori”.

E’ una GT di alto livello, moderna con virtù classiche. Bassa, con un passo di 247 centimetri (inferiore a quello di Yaris!) utile per essere una vera peste nel misto.

Efficientissima, grazie al bilanciamento dei pesi (50:50 tra anteriore e posteriore) e il motore anteriore è quasi in posizione centrale.

Toyota GR Supra, bellissima anche gialla

Completano il quadro i penumatici Michelin Pilot Super Sport ad alto grip, il launch control per le partenze a cannone e le due modalità di guida Sport e Comfort.

Che mutano davvero l’indole e la prestazionalità di GR Supra. In modalità  Comfort è una granturismo di livello, in Sport diventa una vera arma da pista. Per manici esperti, divertente: ma tanto dà e tanto prende. Emozionale come poche.

In Italia è disponibile solo nell’allestimento Premium, di fatto full optional, a un prezzo da 67.900 euro, cui si può aggiungere solo la vernice metallizzata. La leggenda è tornata.

Ultima modifica: 27 maggio 2019

In questo articolo