Toyota bZ4X EV, il Suv elettrico da 450 km di autonomia

1108 0
1108 0

Toyota bZ4X EV, ecco il primo Suv elettrico del Marchio giapponese. Capostipite della famiglia a batterie chiamata bZ (Beyond Zero).

Toyota bZ4X EV, il Suv elettrico da 450 km di autonomia

Il design si conferma fedele al prototipo, bZ4X EV nasce sulla piattaforma e-TNGA, sviluppato assieme a Subaru, che lancerà il suo modello, Solterra.

Fa esordire il nuovo frontale, a testa di squalo martello. Dispone di un passo più lungo di 16 centimetri rispetto a Toyota RAV4, promettendo un superiore abitabilità. Più basso di 8,5 centimetri, promette anche un ottimo raggio di sterzata: 5,7 metri, Il modello sarà presentato in anteprima Europea il 2 dicembre.

L’abitacolo presenta un design avanzato e semplificato, con la possibilità anche del volate tipo cloche, come lo yoke della Tesla Model S. l cruscotto è sottile e basso, e aggiunge un senso di apertura e di visibilità anteriore del guidatore.

Il principio “mani sul volante, occhi sulla strada” è supportato dall’abitacolo centrato sull’uomo, in cui la strumentazione digitale TFT da sette pollici si trova direttamente nella linea degli occhi del guidatore, sopra la linea del volante, in modo che gli strumenti possano essere visti con il minimo movimento dello sguardo.

Il bagagliaio ha una capacità di 452 litri.

Batterie longeve

Dispone di un sistema a trazione integrale, grazie al doppio motore elettrico. E di batterie da 71,4 kWh di capacità, che Toyota indica ancora al 90% efficienza dopo 10 anni di utilizzo. L’autonomia dichiarata è di 450 km con una carica completa.

Per ora due le versioni. La 2WD è dotata di motore elettrico da 204 cavalli e 265 Nm di coppia. Con accelerazione da 0-100 km/h in 8,4 secondi e velocità massima di 160 km/h.

La versione a trazione integrale, sviluppata in sinergia da Toyota con lo specialista Subaru, ha una potenza di 217.5 cavalli (doppio motore elettrico), con 336 Nm. L’accelerazione nello zero-cento scende a 7,7 secondi.

Il bZ4X sarà la prima Toyota di produzione ad offrire un sistema Steer-by-Wire – One Motion Grip – che sarà introdotto in Europa in un secondo momento. Eliminando il collegamento meccanico tra il volante e le ruote anteriori, questo sistema elettronico regola l’angolo del pneumatico con precisione in base alle intenzioni del guidatore e offre più spazio per le gambe, migliorando la libertà della posizione di guida e la facilità di entrata e uscita. Il volante tradizionale viene sostituito con il controllo One Motion Grip, rendendo l’operazione più fluida e facile, senza la necessità di girare una mano dopo l’altra. Il giro completo può essere ottenuto con solo un’azione di 150 gradi.

Senza connessione fisica nel sistema, le vibrazioni dei pneumatici vengono annullate, ma il guidatore continua a ricevere un feedback prezioso, ad esempio dal fondo stradale. La sensazione di sterzata è migliorata grazie al controllo indipendente della coppia sterzante; le caratteristiche dello sterzo possono essere modificate in base alla modalità di guida selezionata.

Avrà anche i pannelli solari sul tetto per aumentare l’efficienza.

 

Ultima modifica: 30 ottobre 2021

In questo articolo