Test sulle scimmie, si dimette Steg, capo relazioni esterne Volkswagen

1816 0
1816 0

Lo scandalo dei test sulle scimmie (e su esseri umani) fa cadere la prima testa in Germania.

Thomas Steg, capo delle relazioni esterne del Gruppo Volkswagen è out. Per sua scelta. “Sospeso dalle sue funzioni fino al completamento delle indagini“. Avrebbe maturato la decisione dopo che il New York Times quattro giorni fa ha pubblicato l’articolo relativo agli esperimenti sulle scimmie relativi agli effetti dell’ossido di azoto.

Si tratterebbe di una parte del grande cartello dell’auto tedesco, che da anni si mette d’accordo con sviluppo di auto in modo congiunto. Gruppo BMW, gruppo Daimler (Mercedes) e Gruppo Volkswagen. Il celebre Gruppo Europeo di Ricerca sull’Ambiente e la Salute nel Settore dei Trasporti, la cui sigla è EUGT. Finanziato dai colossi dell’auto teutonica. Chiuso nel 2017 dopo 10 anni di attività dopo alcune querelle sollevate da Der Spiegel. Veri e propri accordi sottobanco.

Gli esperimenti sulle scimmie, foraggiati dall’EUGT, sarebbero stati fatti nel 2014 negli USA, in New Mexico ad Albuquerque. Quando lo scandalo del dieselgate cominciava a bruciare sotto le ceneri.

Le parole di Matthias Müller, CEO del Gruppo Volkswagen

Steg si è assunto la responsabilità di quello che è successo. Stiamo indagando sull’operato dell’EUGT e valuteremo cosa fare“.

Tutto tace ancora in merito ai test sui volontari umani condotti ad Aquisgrana. Ma il silenzio non durerà molto.

Thomas Steg con Angela Merkel.
Thomas Steg con Angela Merkel

Ultima modifica: 31 gennaio 2018