Tesla Model 3, più autonomia per la versione base

1171 0
1171 0

Più autonomia per Tesla Model 3, che aggiorna il modello d’ingresso della gamma. Esce da listino  la Standard Range Plus (qui la prova di QN Motori). La versione di accesso che la sostituisce è Model 3, senza definizioni ulteriori. Sempre a motore elettrico unico e a trazione posteriore.

Nuova Model 3, già ordinabile in Italia, arriva dallo stabilimento di Shanghai: i precedenti erano assemblati a Freemont, in California. La novità principale, che promette maggiore efficenza, sta nelle batterie.

Sarebbero le LFP (litio-ferro-fosfato) assemblate dalla Catl, il colosso cinese che detiene quasi il 30% del mercato. Rispetto ai precedenti accumulatori offrono una maggiore densità di energia, che si traduce in un superiore raggio di azione.

I miglioramenti di ci sono

L’autonomia dichiarata nel ciclo WLTP arriva a 491 km rispetto ai precedenti 448 km. Nn miglioramento di 43 km, quasi il 10%, dato non trascurabile.

Calano invece le prestazioni. Se velocità massima resta invariata (225 km/h), per l’accelerazione paga dazio: scende da 5,6 a 6,1 secondi nello 0-100 km/h. Resta quasi da quasi da sportiva, ma indubbiamente meno notevole.

Tesla Model 3 presenta un listino più elevato. Costa comporta 1.000 euro in più, ovvero  50.970 euro. Salgono anche i tempi di attesa: da meno di un mese della versione precedente si passa a febbraio del prossimo anno.

Nuova versione a grande autonomia?

Questa novità a listino potrebbe essere un preambolo all’arrivo di altre versioni. Potrebbe rientrate Model 3 Long Range RWD, a trazione posteriore e con un solo motore. In teoria in grado superare i 650 km di autonomia: Model 3 Long Range AWD a due motori arriva a 614 km.

Leggi ora: Tesla apre i Supercharger anche alle auto elettriche delle altre Case

 

Ultima modifica: 5 novembre 2021

In questo articolo